San Gaetano conforta un moribondo di Sebastiano Ricci

San Gaetano conforta un moribondo è un dipinto che riprende il tema dell’Estrema Unzione. Sebastiano Ricci dipinse quest’opera per una cappella del duomo di Bergamo.

Sebastiano Ricci, San Gaetano conforta un moribondo, 1704, olio su tela, cm 222 x 134. Milano, Pinacoteca di Brera

Descrizione

San Gaetano è accorso al capezzale di un malato in fin di vita. La stanza è povera e scura, illuminata solo da una piccola finestra in alto a sinistra. Mentre il congiunto prega inginocchiato sul corpo dell’uomo San Gaetano lo prende per mano. Sollevando l’indice della mano destra verso l’alto raccomanda così l’anima dell’infermo a Dio.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Analisi sintetica del dipinto San Gaetano conforta un moribondo di Sebastiano Ricci

San Gaetano conforta un moribondo era esposto nel duomo di Bergamo. Si trovava infatti all’interno di una cappella posta a lato della sagrestia. Il soggetto è la celebrazione del sacramento dell’estrema unzione. Il fedele cattolico in fin di vita riceve dal sacerdote l’unzione degli infermi o estrema unzione. Il religioso in presenza di una persona in fin di vita recita una preghiera e lo unge con un olio benedetto. Queste rappresentazioni furono molto comuni nel Settecento in Italia.

La superficie pittorica si presenta levigata e il colore è sfumato per creare superfici compatte e lisce.

Il tono del dipinto San Gaetano conforta un moribondo è caldo e scuro per sottolineare la drammaticità del momento. Il corpo del malato invece è bianco e grigiastro e sembra evocare i colori della morte. In alto una luce dorata si espande dalla aureola di San Gaetano e colora di un tono caldo la parte superiore del dipinto. Infatti il Santo indica in alto verso la luce divina per favorire il passaggio, confortando il malato.

Lo spazio della stanza si intuisce dall’angolo superiore in alto a sinistra e dallo spigolo. Inoltre si percepiscono in basso parte del pavimento e a sinistra un tavolino sul quale sono posti una bottiglietta e una ciotola.

Il dipinto ha uno sviluppo verticale e in alto termina con un arco ribassato. La figura di San Gaetano è collocata superiormente determinando quindi un andamento compositivo verticale. Il malato invece è disteso e immobile e segna una netta linea orizzontale. A sinistra l’angolo e la strombatura della finestra richiamano un elemento di verticalità.

Approfondimenti

Amplia la ricerca con alcune opere sul tema dei Santi intitolate: San Villibaldo di Francesco Solimena, San Pietro di Masaccio, San Bernardino da Siena e angeli di Mantegna, San Marco di Tintoretto.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Sebastiano Ricci, San Gaetano conforta un moribondo, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.