La cena di Emmaus di Rembrandt

La cena di Emmaus è un dipinto di Rembrandt che raffigura l’evento tratto dal Vangelo di San Luca con uno stile realistico unito ad una interpretazione mistica.

Rembrandt Harmenszoon Van Rijn, La cena di Emmaus, 1648, olio su tavola, 68 x 65 cm. Parigi Musée du Louvre

Indice

Descrizione

Cristo è raffigurato mentre sta spezzando il pane con un’espressione estatica, nell’istante precedente alla sua scomparsa. Il volto del Messia è circondato, infatti, da una luce mistica che identifica la natura divina e miracolosa dell’evento. Sulla scena, al centro, Cristo siede al tavolo con i due discepoli seduti di lato. Sulla destra, dietro ad uno dei discepoli il ragazzo dell’oste tiene in mano un vassoio col cibo.

Interpretazione

Rembrandt Harmenszoon Van Rijn era un artista profondamente religioso. Per realizzare le sue opere studiava, prima, attentamente il soggetto. La cena di Emmaus è ispirata al Vangelo di San Luca. Rembrandt ha deciso di raffigurare il momento in cui i due discepoli riconoscono il Maestro.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile

Come in molti dipinti del Seicento la scena è frutto di realismo e idealizzazione. I personaggi e l’ambiente sono dipinti con una resa estremamente realistica. La natura dell’evento la figura di Cristo e la nicchia che lo accoglie sono di natura divina. Anche il tavolo assume simbolicamente, la valenza di un altare. Lo sfondo è realizzato con pennellate ampie e non levigate. I volumi dei personaggi non sono fortemente chiaroscurali ma emergono dal fondo scuro grazie ai colori più chiari.

Il colore e l’illuminazione

Il colore dell’intero dipinto tende al bruno con tonalità più fredde e scure al centro dell’esedra contro la quale dipinto Cristo. Il tavolo è di colore ocra ed è illuminato al centro, in corrispondenza della povera tovaglia. Intorno, i personaggi, sono dipinti di bruno molto scuro e nero con bagliori azzurri. La tovaglia crea una illuminazione che si riflette sull’abito di Cristo e lo schiarisce. La luce mette, quindi, in evidenza il volto e le mani del Messia che spezzano il pane.

Lo spazio

Lo spazio è determinato dalla sovrapposizione delle figure così come il senso di profondità che va dalla nostra distanza al tavolo e dal tavolo al muro di fondo. Non vi sono, infatti, grandi indicatori spaziali geometrici che si riconoscono sulla fuga del battente della porta e nelle intersezioni fra le pietre del muro di destra.

La composizione e l’inquadratura

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

La composizione è centrale e l’evento miracoloso è stato dipinto al centro. Da qui viene diffusa anche l’illuminazione mistica che si diffonde in modo radiale dal volto di Cristo.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Rembrandt Harmenszoon Van Rijn, La cena di Emmaus, sul sito del Musée du Louvre di Parigi.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera