Reflection di Lucian Freud

Reflection di Lucian Freud mostra il viso dell’artista inglese in tarda età e al momento del suo massimo successo di critica.

Lucian Freud, Reflection (Self-portrait), 1985, olio su tela, 55.9 x 55.3 cm. Dublino, Collezione privata in deposito presso l’Irish Museum of Modern Art, IMMA Collection: Freud Project 2016-2021 – Foto © The Lucian Freud Archive / Bridgeman Images.

Immagine di copertina rimossa su richiesta di:

Sales Manager Italy & Head of TrainingBridgeman Images – c/o Luogocomune, Via G. Matteotti 21 int. 5, 40129, Bologna (BO) per conto del Lucian Freud Archive

Indice

Descrizione di Reflection di Lucian Freud

Lucian Freud si è ritratto frontalmente con il busto leggermente rivolto a sinistra. Lo sguardo è puntato verso destra ma l’artista sembra assente e alcune rughe sulla fronte rivelano l’intensità del suo pensiero. I capelli sono corti ai lati e più folti verso l’alto e conferiscono alla sua figura un carattere deciso sottolineato dall’espressione del volto.

Interpretazioni e simbologia di Reflection di Lucian Freud

Freud realizzò diversi autoritratti dall’aspetto crudo e a volte espressionista. Si ritrasse spesso anche nudo senza preoccuparsi di mostrare i segni dell’invecchiamento sul suo corpo. Anzi attraverso il suo stile materico, le pennellate grumose e l’uso della luce radente mise in evidenza proprio le trasformazioni operate dal tempo.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2022-2023

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Testo

La storia dell’opera Reflection di Lucian Freud

Reflection è un autoritratto di Lucian Freud realizzato nel 1985. Al tempo l’artista aveva circa 63 anni.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Reflection di Lucian Freud

Lucian Freud nacque nel 1922 e morì nel 2011. Secondo gli storici dell’arte contemporanea è stato uno dei più importanti pittori figurativi del Novecento. Lucian Freud iniziò a dipingere negli anni successivi delle Avanguardie e alle contemporanee esperienze dell’astrattismo. L’artista però si isolò portando avanti una sua ricerca figurativa recuperando anche la tradizione.

Freud divenne così un riferimento nella pratica del ritratto. Sono molto noti infatti i ritratti intimi di personaggi famosi e spesso dalla vita controcorrente come quelli del performer inglese Leigh Bowery.

Le sue figure assumono un aspetto intenso, inquietante e a volte viscerale. Freud ritraeva i suoi soggetti nel suo studio che apriva solo a persone conosciute o ad amici. Inoltre i protagonisti delle sue opere erano costretti a rimanere seduti per centinaia di ore per dare a Freud la possibilità di osservare a fondo la loro individualità.

La tecnica

Reflection di Lucian Freud è un dipinto realizzato con impasto ad olio su una tela di 55.9 x 55.3 cm.

Il colore e l’illuminazione

Testo

Lo spazio

Testo

La composizione e l’inquadratura

Testo

Articolo correlato

Ritratto di George Dyer in uno specchio di Francis Bacon

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Marco Fagioli, Lucian Freud, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2018 EAN: 9788809987449

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 20 febbraio 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Lucian Freud intitolate:

  • Reflection

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Lucian Freud, Reflection (Self-portrait), sul sito dell’Irish Museum of Modern Art, IMMA di Dublino.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content