Bacco e Arianna di Giovan Battista Pittoni

Giovan Battista Pittoni, con Bacco e Arianna, interpretò un tema molto comune nella pittura classicheggiante del suo tempo.

Giovan Battista Pittoni, Bacco e Arianna, 1730 – 1732, olio su tela, cm 70 x 50. Milano, Pinacoteca di Brera

Descrizione

Arianna è abbandonata da Teseo. Di conseguenza Bacco raggiunge la ragazza seguito dal suo corteo di satiri e danzatori ebbri. Suonatori di flauti e tamburelli accompagnano le danze. Bacco indossa una ampio mantello rosso e sotto di esso porta una pelle di ghepardo. Arianna, invece, è nuda e solo un panno avvolge parte del suo corpo. La giovane siede su un sedile realizzato con alcuni teli. Dietro di lei, poi, un pesante tessuto pende da un albero e crea uno sfondo al trono improvvisato. Al suo interno, aleggiano due putti alati. Alla sua sinistra, a terra, è posato del vasellame di metallo. Infine, il cielo scuro è attraversato da grandi nuvole chiare.

Analisi sintetica del dipinto Bacco e Arianna di Giovan Battista Pittoni

Giovan Battista Pittoni riprese più volte il tema rappresentato nel dipinto Bacco e Arianna. Tali repliche testimoniano quanto l’artista fosse apprezzato dai suoi contemporanei.

Tradizionalmente, il cocchio di Bacco è trainato da ghepardi. Nel dipinto Bacco e Arianna del Pittoni, invece, rimane solo l’allusione ai felini nella pelle indossata da Bacco. La corona di Arianna, secondo il mito, verrà lanciata dal dio nel cielo. Da questo gesto nascerà la costellazione che porta il nome della giovane.

Le figure mitologiche e la natura sono realizzate con pennellate fuse tra loro. Le superfici sono quindi levigate. I modellati sono morbidi, soprattutto sul corpo di Arianna.

I colori del dipinto Bacco e Arianna di Giovan Battista Pittoni sono caldi e il chiaroscuro intenso. Il contrasto tra le zone di ombra e di luce si intensifica, infatti, nella parte sinistra. Il corpo di Arianna è posto in grande evidenza dal suo tono chiaro che spicca contro l’interno scuro del telo. Il colore più saturo è il rosso del mantello di Bacco. Le figure in lontananza sono colorate con toni più chiari e meno saturi.

La profondità della scena è suggerita dalla progressiva diminuzione della grandezza dei personaggi in basso a sinistra.

La superficie della composizione è divisa in due zona verticali. A sinistra, si trova Arianna, seduta sul trono di teli. A destra, invece, è dipinto Bacco e il corteo che lo accompagna.

Approfondimenti

Approfondisci con le altre opere intitolate: Bacco e Arianna di Tiziano, Trionfo di Bacco e Arianna di Annibale Carracci.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giovan Battista Pittoni, Bacco e Arianna, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.