Arearea (felicità) di Paul Gauguin. Immagini dal rifugio naturale sull’isola di Tahiti

La fuga di Paul Gauguin verso una realtà primitiva e priva del caos metropolitano lo portò sull’isola di Tahiti dove dipinse Arearea, un paesaggio di colori saturi e bidimensionali. La semplificazione dello stile ci racconta una quotidianità semplice e felice.

Paul Gauguin, Arearea (felicità), 1892, olio su tela, cm 75 x 94. Parigi, Musée d’Orsay

Dal 1891 Paul Gauguin raccontò il suo soggiorno a Tahiti con dipinti dai colori puri e intensi

Arearea è un dipinto di Gauguin che descrive una scena ambientata a Tahiti, che fu il rifugio esistenziale dell’artista. Due donne sono sedute accanto ad un albero. In primo piano un cane di profilo passeggia mentre sullo sfondo un gruppo di donne venera un idolo locale.

Lo stile. forme bidimensionali e semplici

Le figure sono semplicemente ritagliate dallo sfondo da campiture di colore prive di chiaroscuro. Infatti, le forme confinano in modo netto e la superficie dipinta sembra essere un intarsio colorato. Il modellati sono semplici e i colori intensi. Gauguin evidenzia le forme, attraverso contrasti di luminosità, di saturazione e di complementari. Le forme perdono, quindi, ogni tridimensionalità e diventano bidimensionali. La scelta di utilizzare colori irreali e appiattire lo spazio sulla superficie del dipinto fu una delle prime sperimentazioni che condussero all’astrattismo.

Il colore, lo spazio e la composizione

Le donne siedono vicino ad un albero azzurro mentre un cane arancione occupa a sinistra il prato colorato di verde e privo di sfumature. Verso il fondo si sovrappongono superfici gialle, rosse, porpora e, ancora, verdi. La fascia centrale del dipinto è occupata da colori chiari e molto brillanti. Lo sfondo è risolto con un paesaggio verde intenso. Il primo e il secondo piano, occupati dal cane e dalle ragazze, sono circoscritti dalla linea curva del prato che sale a sinistra. La fascia centrale, colorata con giallo e arancio, si chiude con un’altra curva dalla quale nasce il paesaggio. Lo spazio è, così, descritto, in profondità, da una progressione di quinte colorate. La dimensione delle donne sul fondo, poi, permette di concepire la distanza dal primo piano.

Paul Gauguin fu amico di Vincent van Gogh fino al tragico epilogo del tentativo di aggressione con un coltello dell’artista olandese.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Paul Gauguin, Arearea (felicità), del Musée d’Orsay di Parigi.