Paracadutista di Angelo Pinciroli

Paracadutista di Angelo Pinciroli raffigura un militare della Seconda Guerra Mondiale al momento del lancio dall’aereo nel vuoto del cielo.

Angelo Pinciroli, Paracadutista, data?, acquerello, 46 x 64 cm. Roma, Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio

Indice

Descrizione di Paracadutista di Angelo Pinciroli

Un paracadutista si libra nel cielo assumendo una particolare posizione. L’uomo infatti è imbracato con il paracadute che porta sulla schiena. Inoltre inarca le gambe e le braccia assumendo una posizione curva per favorire la caduta.

Interpretazioni e simbologia di Paracadutista di Angelo Pinciroli

Angelo Pinciroli fu un paracadutista dell’esercito italiano che partecipò alla Seconda Guerra Mondiale. Documentò questa sua esperienza realizzando alcuni acquerelli.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Questo acquerello fece parte di un gruppo di 797 opere esposte durante la Prima mostra degli artisti italiani in armi nel 1942 presso il Palazzo delle esposizioni di Roma. L’Esercito organizzò questa grande mostra inaugurata dal re d’Italia per documentare l’attività di giovani artisti che parteciparono alle azioni della Seconda Guerra Mondiale sui fronti esteri.

La storia dell’opera Paracadutista di Angelo Pinciroli

Angelo Pinciroli nacque a Legnano nel 1911 e all’epoca della sua presenza nell’Esercito italiano aveva circa 30 anni.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Paracadutista di Angelo Pinciroli

L’immagine è ben definita da interventi di colore acquerellato che definiscono minutamente le forme del paracadutista. Inoltre l’autore disegnò in modo attento l’attrezzatura indossata dal militare.

La tecnica

Paracadutista di Pinciroli è un acquerello di 46 centimetri di larghezza e 64 cm di altezza.

Il colore e l’illuminazione

L’ingiallimento della carta sul quale si trova l’immagine tende ad una tonalità calda. L’immagine del paracadutista però è tratteggiata con pennellate di colore verde azzurro.

Lo spazio

Il militare cade nel vuoto e quindi la sua figura si libra in uno spazio privo di dettagli. Sullo sfondo comunque compaiono leggere e deboli tracce di paesaggio.

La composizione e l’inquadratura

L’immagine è di forma rettangolare e sviluppata in verticale. L’inquadratura poi incornicia al vivo la figura del paracadutista. Inoltre mette in evidenza la curva descritta dal corpo che diventa anche la principale forma compositiva del dipinto.

Articolo correlato

Gli artisti soldato

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Artisti Italiani in Armi la collezione ritrovata, Catalogo della mostra, STADIO DI DOMIZIANO, Aprile-Giugno 2017, ESERCITO ITALIANO, Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 31 marzo 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Angelo Pinciroli intitolate:

  • Squadrone in pattugliamento, 2a Guerra Mondiale, 42
  • Paracadutista

Leggi La vita e tutte le opere di Angelo Pinciroli

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Angelo Pinciroli, Paracadutista, sul sito dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio di Roma.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.

Una risposta a “Paracadutista di Angelo Pinciroli”

I commenti sono chiusi.