Natura morta di cucina di Evaristo Baschenis

Natura morta di cucina è un dipinto di Evaristo Baschenis che rappresenta l’opera del maestro presso la Pinacoteca di Brera di Milano.

Evaristo Baschenis, Natura morta di cucina, 1617-1677, olio su Tela, cm 97 × 145. Milano, Pinacoteca di Brera

Descrizione

In Natura morta in cucina di Evaristo Baschenis su di un piano di lavoro è poggiata della cacciagione. Si tratta, infatti, di piccoli e grandi volatili. Inoltre, a sinistra si riconosce un’anitra. Su di un piano in legno, poi è poggiato un pennuto completamente spennato. Alcuni uccelli sono presentati su di un’alzata in vetro a sinistra. Su di una grande brocca è posato un piatto contenente biscotti di varie forme. Infine, su altre brocche e alzate vi sono taglieri e formaggi.

Interpretazioni e simbologia

La Natura morta fu un genere molto diffuso nell’arte del Seicento. Baschenis fu un autore molto apprezzato e inventore della natura morta con strumenti musicali. Presso la Pinacoteca di Brera è esposta anche l’opera intitolata Natura morta con strumenti musicali.

I Committenti, le collezioni e la storia espositiva

Ettore Modigliani, direttore della Pinacoteca, acquistò la Natura morta di cucina di Evaristo Baschenis nel 1915 da un collezionista privato. Da tempo Modigliani era alla ricerca di una natura morta di questo tipo ma di sicura attribuzione. Il suo intento era, infatti, di poter rappresentare due aspetti della natura morta presso Brera.

La storia dell’opera

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Lo stile della Natura morta di cucina di Evaristo Baschenis

Evaristo Bachenis dipinse nature morte di grande realismo. In Natura morta di cucina il piano di appoggio in legno e i taglieri sono realizzati con grande attenzione alla resa del materiale. La stessa cura si nota nella resa della carne, dei vari cibi, del piumaggio e delle stoviglie. La superficie della brocca a destra è un esempio dell’abilità tecnica del maestro.

La tecnica

Natura morta di cucina è un dipinto ad olio su tela. La tecnica del colore ad olio permise di ottenere migliori effetti di luminosità e cura dei dettagli rispetto alla tempera su tavola. Le superfici dei vari materiali risultano estremamente realistiche e il colore è modellato in modo raffinato.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto di Evaristo Baschenis ha una tonalità calda. Il fondo è bruno scuro e mette in evidenza la cacciagione e le stoviglie colorate con colori più chiari e saturi. I colori più evidenti sono il rosso della carne e dei bargigli del pollame. Poi, l’arancio delle zampe e il giallo dorato dei biscotti. Le brocche sono colorate con verdi tendenti al grigio armonizzati con il fondo bruno della tela. Spiccano i piumaggi bianchi al centro del piano come i tovaglioli posti sotto al formaggio.

I contrasti di luminosità sono determinati nella composizione cromatica della Natura morta di cucina. Infatti, il fondo è molto scuro e la cacciagione bianca spicca in modo evidente. Inoltre, i contrasti di saturazione permettono di mettere in risalto il rosso delle carni, dei bargigli e l’arancione delle zampe e dei biscotti. Le brocche sono colorate con colori più freddi ma la loro bassa saturazione le rendono in armonia con il dipinto.

L’illuminazione interna è di tipo scenografico e mette in evidenza tutti gli elementi della Natura morta in cucina. La luce colpisce da sinistra il pollame, le stoviglie e gli alimenti evidenziando i loro volumi attraverso un deciso chiaroscuro.

Consulta anche l’articolo intitolato: Con scienza e religione la natura perde la sua innocenza.

Lo spazio

Il piano di appoggio è frontale. Gli oggetti e il pollame sono disposti in modo scenografico su di esso. Le zampe dei pennuti che sporgono in avanti dal piano permettono di determinare uno spazio verso il fronte dell’opera. La sovrapposizione dei corpi e delle stoviglie permette di articolare la profondità del piano fino al fondo indistinto.

La composizione e l’inquadratura

La Natura morta in cucina di Evaristo Baschenis è un dipinto rettangolare e orizzontale. La struttura dell’opera è distribuita per piano orizzontali articolati tra loro a diverse altezze. Prevalgono, infatti, le linee orizzontali sulle quali è giocata l’intera composizione. La cacciagione è disposta con un certo ordine simmetrico seppur non rigido.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Evaristo Baschenis, Natura morta di cucina, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.