Natura morta con pesci di Evaristo Baschenis

Natura morta con pesci è un dipinto di Cucina di Evaristo Baschenis nel quale si evidenzia la maestria dell’artista bergamasco.

Evaristo Baschenis, Natura morta con pesci, 1670 circa, olio su tela, 65 x 108 cm. Bergamo, Accademia Carrara

Descrizione

Natura morta con pesci è un dipinto di Evaristo Baschenis nel quale, su di un piano, compaiono i soggetti del dipinto. I pesci sono di varie specie e sono disposti sopra ad un vassoio. A sinistra si può osservare anche un granchio e alcuni limoni. Inoltre, a destra, sopra ad una trota gialla, è poggiata della verdura. Sul fondo, all’interno di un cestino, sono visibili altre verdure molto in ombra. Un coltello insanguinato è infilato tra i pesci di piccola taglia in primo piano. Infine, dal pesce giallo fuoriescono le interiora che si riversano sul vassoio.

Interpretazioni e simbologia

Evaristo Baschenis è noto per aver ideato la natura morta con strumenti musicali. In tale genere pittorico l’artista espresse la sua bravura nel rappresentare sottili strati di polvere sugli strumenti. Tale virtuosismo, in realtà fu interpretato come un monito verso il passare del tempo. Nel dipinto intitolato Natura morta con pesci il coltello insanguinato ed il pesce sventrato nascondono sicuramente un monito per l’osservatore. Un esempio di Natura morta con strumenti musicali è conservato presso la Pinacoteca di Brera di Milano.

I Committenti, le collezioni e la storia espositiva

Giovanni Marenzi donò la Natura Morta con pesci di Evaristo Baschenis all’Accademia Carrara di Bergamo nel 1921.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Lo stile della Natura Morta con pesci di Evaristo Baschenis

La Natura morta con pesci di Evaristo Baschenis è un dipinto dalla notevole resa realistica. Si evidenzia, infatti, con alcuni dettagli come il coltello sporco di sangue e le interiora fuoriuscite dal pesce giallo. Le scaglie della pelle sono rappresentate con attenzione e dimostrano lo studio approfondito dell’artista su questi soggetti. Presso la Pinacoteca di Brera è conservata una Natura morta di cucina.

La tecnica

La Natura Morta con pesci di Evaristo Baschenis è un dipinto ad olio su tela. L’opera presenta un forte realismo reso con il colore ad olio su tela. Tale tecnica permette, infatti, di ottenere impasti consistenti e velature sottili per rendere una vasta gamma di toni e luminosità.

Il colore e l’illuminazione

Natura morta con pesci di Evaristo Baschenis è un dipinto dai toni scuri e caldi. Il granchio di sinistra presenta tonalità rosse mentre il pesce di destra giallo dorate. Le erbe sono in ombra, quindi, molto scure, solo le cime illuminate sono di un verde giallastro.

Il dipinto è molto scuro e i contrasti di luminosità sono intensi e limitati al primo piano. Il ventre bianco della trota brilla contro il bruno scuro che occupa quasi tutto il dipinto. In secondo piano, anche gli altri pesci sono evidenziati dalla luce che li colpisce e mette in risalto le scaglie iridescenti.

La luce ambientale e scenografica arriva dal centro in alto. Il resto dell’ambiente è completamente al buio, o comunque risulta molto scuro. In questo modo, i corpi degli animali, grazie all’intenso chiaroscuro, assumono un notevole volume tridimensionale.

Consulta anche l’articolo intitolato: Con scienza e religione la natura perde la sua innocenza.

Lo spazio

Lo spazio è il risultato della sovrapposizione e della disposizione ordinata dei pesci morti. Inoltre, dietro di essi si nota un cestino con della verdura posto in ombra. La profondità della scena riprodotta è, così, molto limitata e solo intuibile. Il primo piano è, invece messo in risalto dalla luce che colpisce i pesci riversi sul piano.

La composizione e l’inquadratura

La Natura morta con pesci è un dipinto rettangolare a sviluppo orizzontale. Tale inquadratura permette una efficace rappresentazione della scena. Infatti i pesci sono presentati sul piano e disposti con un preciso ordine compositivo. Prevalgono le linee oblique che corrono lungo i corpi sovrapposti. La principale linea compositiva coincide con la diagonale che sale da sinistra e corre lungo il corpo della trota.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Evaristo Baschenis, Natura morta con pesci, sul sito dell’Accademia Carrara di Bergamo.