Madonna col Bambino e San Giovanni Battista di Agnolo Bronzino

Madonna col Bambino e San Giovanni Battista di Agnolo Bronzino è un dipinto che interpreta un tema classico dell’iconografia cristiana.

Agnolo Bronzino, Madonna col Bambino e San Giovanni Battista, c. 1540, olio su tavola di pioppo, 62.5 × 48.8 cm. Detroit, Detroit Institute of Arts

Indice

Descrizione della Madonna col Bambino e San Giovanni Battista di Agnolo Bronzino

La Vergine è seduta su un prato al centro del dipinto. Maria apre le braccia in alto e guarda Gesù Bambino seduto a sinistra in basso. A destra del dipinto invece San Giovannino si sporge in avanti e guarda anche lui verso Gesù. La scena si svolge all’interno di un paesaggio collinare. Due alture sono dipinte ai lati delle figure in secondo piano. Infine, a destra si intravede un tempietto circolare.

Interpretazioni e simbologia della Madonna col Bambino e San Giovanni Battista di Agnolo Bronzino

La stessa interpretazione si ritrova nel dipinto del Bronzino intitolato Sacra Famiglia con Giovanni Battista bambino.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Questo dipinto del Bronzino si trova presso il Detroit Institute of Arts.

La storia dell’opera Madonna col Bambino e San Giovanni Battista di Agnolo Bronzino

Bronzino dipinse i suoi lavori quasi esclusivamente a Firenze. L’artista realizzò questa Madonna intorno al 1540 all’età di circa quarant’anni.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile della Madonna col Bambino e San Giovanni Battista di Agnolo Bronzino

Agnolo di Cosimo detto semplicemente il Bronzino fu un importante manierista italiano. Nacque a Monticelli di Firenze nel 1503 e morì nel 1572. Lavorò quasi esclusivamente alla corte di Cosimo I de’ Medici primo Duca di Firenze e poi Granduca di Toscana.

Bronzino dipinse opere dalle atmosfere distaccate e dai colori freddi e metallici. I personaggi ritratti inoltre sembrano immersi in un ambiente metafisico e assumono posizioni formali ed eleganti molto amate dalla committenza della corte. La sua fu una pittura realistica e molto dettagliata ma le fisionomie sono spesso idealizzate e algide.

La tecnica

Il dipinto del Bronzino è realizzato su una olio su tavola di pioppo dalle dimensioni di 62.5 × 48.8 cm.

Il colore e l’illuminazione

L’opera del Bronzino presenta una struttura cromatica equilibrata tra toni caldi e toni freddi. In primo piano infatti gli incarnati caldi dei due bambini sono separati dal mantello blu della Vergine. Più in alto invece Maria, dall’abito rosa intenso, è incorniciata dal colore freddo del prato e ancor più algido del cielo e dell’altura di destra.

Lo spazio

La Vergine e i due bambini sono ritratti in un paesaggio collinare. Maria siede su un prato e alle sue spalle fanno da sfondo due alture. Inoltre la distanza tra la strada che si intravede a destra e il primo piano è suggerita dal confronto fra le dimensioni del contadino e dei personaggi.

La composizione e l’inquadratura

L’opera del Bronzino è un dipinto rettangolare e sviluppato in altezza. L’inquadratura infatti racchiude interamente i personaggi, la Vergine, Gesù Bambino e San Giovannino a destra. La figura della Madonna occupa infatti tutta la zona centrale e descrive una elegante linea a forma di esse. Inoltre è disposta con una torsione tipica del gusto manierista.

I due bambini sono dipinti lateralmente e quindi specularmente e si contrappongono in quanto Gesù è seduto di fronte alla Madonna mentre San Giovannino dietro. L’immagine presenta poi caratteristiche fortemente simmetriche. Il viso della Madonna e il suo busto infatti sono poggiati sulla verticale centrale e l’incrocio delle diagonali coincide col centro del corpo della Vergine. Infine in alto i due elementi del paesaggio, a sinistra l’altura con i tronchi e a destra il paesaggio lontano si riflettono simmetricamente come i due bambini in basso.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Antonio Paolucci, Bronzino. Ediz. illustrata, 2002, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, EAN: 9788809026421
  • C. Falciani, A. Natali, Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici. Catalogo della mostra (Firenze, 24 settembre 2010-23 gennaio 2011), 2010, EAN: 9788874611539
  • Antonio Geremicca, Agnolo Bronzino. «La dotta penna al pennel dotto pari», Universitalia, Collana: Horti Hesperidum. Monografie, 2013, EAN:9788865073407, ISBN:8865073403
  • Agnolo Bronzino: The Muse of Florence, New Academia Publishing, LLC, 2014 EAN:9780991504770, ISBN:0991504771

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 2 dicembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Agnolo Bronzino intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Agnolo Bronzino, Madonna col Bambino e San Giovanni Battista, sul sito del Detroit Institute of Arts di Detroit.