Cristoforo Colombo in catene di Lorenzo Delleani

Cristoforo Colombo in catene è un dipinto celebrativo di Lorenzo Delleani. Il navigatore genovese torna dalla Spagna in catene con l’accusa di essersi impossessato di beni della corona spagnola.

Lorenzo Delleani, Cristoforo Colombo di ritorno dall’America (Cristoforo Colombo in catene), 1863, olio su tela, 82,2×118,5 cm. Genova, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione. Cristoforo Colombo torna in catene dalla Spagna

Cristoforo Colombo ritorna dalla Spagna in seguito al suo quinto viaggio di esplorazione. L’esploratore è in catene perché accusato di aver sottratto dei beni alla corona di Spagna per uso personale. Indossa abiti del quattrocento e siede al centro della stiva appoggiandosi su di una cassa. Intorno a lui vi sono frammenti di materiale nautico. Gli tiene poi compagnia una scimmietta legata accanto ad una botte. Dietro di lui una guardia spagnola con una picca gioca con l’animale. Dall’alto lo osservano i marinai sporgendosi in basso. Contro la piccola porzione di cielo infine si intravedono due marinai che tirano una cima.

Interpretazioni e simbologia

Il dipinto è di carattere storico e fu realizzato con intento celebrativo.

I Committenti e la storia espositiva

Il dipinto intitolato Cristoforo Colombo di ritorno dall’America (Cristoforo Colombo in catene) era in origine nella collezione di Oddone Eugenio di Savoia. Venne quindi donata al Comune di Genova da Vittorio Emanuele II nel 1866 anno della morte prematura del figlio. Per la prima volta venne esposto alla Mostra della Società Promotrice di Belle Arti di Torino del 1865

La storia dell’opera

Il dipinto riporta data e firma in basso a destra: “L. Delleani 1863″.

Lo stile del dipinto Cristoforo Colombo in catene di Lorenzo Delleani

Il Cristoforo Colombo di Lorenzo Delleani è rappresentato con uno stile molto vicino alla pittura romantica di tradizione italiana. Come altri del periodo, celebra il personaggio nel momento in cui tornò ad essere rivalutato come un protagonista della cultura italiana. Lo stile è descrittivo e molto realistico e ricorda una rappresentazione teatrale. Un altro dipinto dell’epoca dedicato alla vita del navigatore è Colombo in partenza dal porto di Palos di Pelagio Palagi.

Il colore e l’illuminazione

Nel dipinto la scena rappresenta l’interno di una stiva e il colore dominante è quello caldo del legno. Anche in questo dipinto di Delleani il cielo è già bianco come nei paesaggi ai quali si dedicherà a partire dagli anni Ottanta dell’Ottocento. Esempi sono Roma da Porta Pinciana, Le allieve e il Molo.

Lo spazio

L’interno della stiva è descritto in modo molto dettagliato e con una perfetta resa prospettica. Infatti le linee di fuga si colgono nella cassa in primo piano, nelle assi del pavimento e sui fianchi in alto. Inoltre la ben strutturata disposizione dei personaggi consente di cogliere la loro progressiva diminuzione di grandezza. Con questo espediente Delleani descrive così la profondità e la spazialità dell’ambiente chiuso.

La Composizione e l’inquadratura

L’arco che chiude lo spazio in alto sembra il boccascena di un palcoscenico. La scena è infatti racchiusa all’interno di questa composizione. A partire da Cristoforo Colombo in primo piano, poi, lo sguardo corre in profondità trasferendosi sulla guardia, quindi sui marinai affacciati e infine su quelli dipinti contro il cielo. Infine le linee oblique delle alberature spezzate a terra favoriscono questa direttrice obliqua che si muove da sinistra a destra in alto.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Lorenzo Delleani, Cristoforo Colombo di ritorno dall’America (Cristoforo Colombo in catene), sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Genova.