Le conseguenze della Guerra di Pieter Paul Rubens

Le conseguenze della Guerra di Pieter Paul Rubens è un’opera che rappresenta allegoricamente le sofferenze  subite dalla popolazione durante i conflitti.

Pieter Paul Rubens, Le conseguenze della Guerra, 1637-1638, olio su tela, cm 206 x 345. Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina

Descrizione

Al centro del dipinto di Rubens spicca una donna dal corpo nudo e dalla pelle molto chiara. La giovane, inoltre, porta lunghi capelli biondi che scendono sulla schiena. In basso, a sinistra, due piccoli angeli la trattengono dalla gamba destra. Con le braccia, la ragazza è aggrappata al braccio di un soldato dalla carnagione più scura. Il guerriero indossa un elmo e una armatura. Ha la spada sguainata e lo scudo rivolto verso l’avversario. Sulla sinistra, una donna anziana spaventata si lancia in avanti verso i combattenti. La segue un putto con in mano un globo di cristallo. Alle sue spalle si notano architetture classiche dalle alte colonne e una pesante porta aperta.

Un angelo aleggia in alto sul capo della giovane bionda. I due combattenti si affrontano al centro. Quello di sinistra viene sbalzato in alto dallo scudo. Con la mano destra cerca di trattenersi al braccio del guerriero mentre sulla destra impugna una fiaccola. Inoltre, a destra, in basso alcune figure umane nude e indifese sono distese e riverse al suolo. Infine, il fumo della fiaccola si confonde con le nuvole scure.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: Con scienza e religione la natura perde la sua innocenza.

Interpretazioni e simbologia del dipinto Le conseguenze della Guerra di Pieter Paul Rubens

Le conseguenze della guerra è un dipinto di Rubens nel quale si coglie la sua abilità nell’utilizzo del colore. Inoltre, la scena dimostra la sua capacità di creare dinamiche spettacolari. In questo dipinto, Rubens vuole testimoniare, in modo allegorico, la distruzione della guerra. I personaggi sembrano recitare una parte su di un palcoscenico. La donna di sinistra rappresenta l’Europa che invoca la pace.

Venere è al centro e in qualità di dea dell’amore trattiene il dio della guerra che sta combattendo. Le arti, in basso, personificate da un uomo e una donna vengono distrutte dalle schiere in combattimento. La parte sinistra, nella quale sono presenti le due figure femminili, è caratterizzata dalle architetture in secondo piano. È presente anche un brano di cielo. L’atmosfera è, quindi, più serena e razionale. La parte di destra, invece ospita la battaglia con la distruzione. Grazie alla luce debole e radente e alle espressioni dei personaggi assume un aspetto scomposto, barbaro e drammatico.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Pieter Paul Rubens, Le conseguenze della Guerra, sul sito della Galleria Palatina di Firenze.