La sorgente di Jean Auguste Dominique Ingres

La sorgente di Jean Auguste Dominique Ingres raffigura uno dei soggetti femminili più amati dal maestro del Neoclassicismo francese.

Jean Auguste Dominique Ingres, La sorgente (La Source), 1820-1856, olio su tela, 163 x 80 cm. Parigi, Musée d’Orsay

Indice

Descrizione de La sorgente di Jean Auguste Dominique Ingres

La giovane nuda è in piedi, all’interno di una struttura di roccia che la ospita. Una brocca è appoggiata verso il basso sulla spalla sinistra, alla destra del dipinto. Dalla sua apertura nasce un flusso d’acqua che si riversa in basso. Ai piedi della giovane compaiono due fiori, a destra e a sinistra mentre intorno alla sua figura, sulla roccia si aggrappa un ramo di edera. Inoltre la giovane posa i piedi sullo specchio d’acqua che riflette la sua immagine.

Interpretazioni e simbologia de La sorgente di Jean Auguste Dominique Ingres

La protagonista del dipinto assume la stessa posa di quella di un altro quadro di Ingres, Venere Anadiomene del 1848. Inoltre fu probabilmente ispirata dalla scultura dell’Afrodite cnidia o Venere pudica. Infine una corrispondenza è presente anche nella Nascita di Venere di Sandro Botticelli.

Il soggetto del dipinto fu uno dei più amati da Ingres. Nei suoi dipinti infatti si ritrovano spesso figure di giovani donne in vesti da odalische e pose da Veneri. La giovane che sorregge la brocca raffigura una delle Naiadi e ninfe delle fonti. Nel mito classico è una figura sacra alla Muse e quindi fonte di ispirazione poetica.

L’edera che appare nel dipinto di Ingres è un simbolo classico perché preferita da Dioniso.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Nel 1856 Ingres espose il dipinto ormai terminato e ottenne una risposta positiva dalla critica e dai collezionisti. Tanneguy Duchâtel, un politico francese, lo acquistò nel 1857 per 25.000 franchi. In seguito, nel 1878, lo Stato francese acquistò La sorgente e la destinò al Museo del Louvre. Infine nel 1986 al momento della costituzione del Musée d’Orsay l’opera fu spostata in questa struttura.

L’artista e la società. La storia dell’opera La sorgente di Jean Auguste Dominique Ingres

Jean-Auguste-Dominique Ingres e Paul Baize con Alexandre Desgoffe dipinsero La Sorgente in un periodo che va dal 1820 al 1856. Alla realizzazione del dipinto contribuirono molte persone. La giovane figlia della portinaia di Ingres posò come modella. Inoltre Paul Baize e Alexandre Desgoffe, allievi di Ingres, dipinsero sfondo ed il vaso con l’acqua.

Ingres iniziò La Sorgente nel 1820 circa a Firenze. Fu poi terminata molti anni dopo, a Parigi, secondo gli storici, non prima del 1856. L’artista terminò il dipinto in tarda età, circa a 76 anni, quando era ormai molto celebre e ricopriva la carica di presidente all’École des beaux-arts.

Il dipinto di Ingres divenne presto molto popolare per via della sua immagine iconica. Lo scrittore francese Théophile Gautier e il poeta Théodore de Banville ammiravano molto l’opera e la citarono nei loro testi. Anche artisti successivi utilizzarono la figura della giovane nelle loro opere. William-Adolphe Bouguereau la riprodusse nella Nascita di Venere del 1879. Altri furono poi Pablo Picasso, Seurat, Pierre-Auguste Renoir, Aristide Maillol e René Magritte.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile La sorgente di Jean-Auguste-Dominique Ingres

Le figure femminili dipinte da Ingres come quella de La sorgente presentano una fedele rappresentazione dell’anatomia femminile. Le forme però sono idealizzate per creare profili più armonici e aggraziati. Infatti i contorni della ragazza sono attentamente disegnati per contribuire alla grazia e all’equilibrio formale dell’intera composizione. La ricerca artistica di Ingres partì infatti dallo studio dei classici, soprattutto di Raffaello e portò ad un linguaggio ereditato da molti suoi allievi.

Ingres applicò il colore con estrema cura. Il corpo della protagonista è modellato con grande attenzione all’eleganza dei contorni. Infatti la posizione assunta e la modellazione ideale delle forme creano linee sinuose e armoniche. Tali figure femminili furono una cifra stilistica della pittura dell’artista francese.

La tecnica

Ingres e i suoi allievi dipinsero La sorgente (La Source) con velature di colore ad olio su una tela di canapa di 163 x 80 cm.

Il colore e l’illuminazione

Il colore del dipinto è caldo e si può osservare un’ampia gamma di bruni nello sfondo. L’incarnato della giovane invece è chiaro e tendente all’ocra. Tra la roccia spuntano alcune piantine e le foglie d’edera in alto di colore grigio-verde.

Lo spazio

La giovane è raffigurata all’interno di una nicchia naturale e quindi lo spazio è suggerito dalla struttura naturale che fa da sfondo. Inoltre la profondità della scena è molto limitata dalla parete di roccia. L’acqua che scende dalla brocca crea così una quinta compositiva che separa lo spazio reale con quello virtuale.

La composizione e l’inquadratura

L’opera è di forma rettangolare e sviluppo verticale. L’inquadratura quindi asseconda la figura stante e in piedi della giovane. Inoltre crea uno stacco con lo spazio espositivo grazie ad una vasta porzione di sfondo scuro e grigio che evidenzia il chiaro dell’incarnato.

La figura femminile in piedi e frontale è perfettamente verticale e mossa con l’uso del contrapposto di ispirazione classica. Infine le curve delle membra sono armonizzate tra loro mentre l’ovale del viso è richiamato nel corpo dell’anfora.

Articolo correlato

Andromeda di Andrea Vaccaro

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Marco F. Apolloni, Ingres, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 1994; 1998, EAN: 9788809761827

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 26 ottobre 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Jean-Auguste-Dominique Ingres intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Jean-Auguste-Dominique Ingres

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Jean Auguste Dominique Ingres, La sorgente, sul sito del Musée d’Orsay di Parigi.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera