La grande torre di Babele di Pieter Bruegel il Vecchio

La grande torre di Babele di Pieter Bruegel il Vecchio interpreta un racconto della Bibbia nel quale Dio punisce un popolo colpevole di arroganza.

Pieter Bruegel il Vecchio, La grande torre di Babele, 1563, olio su tavola, 114 x 155 cm. Vienna, Kunsthistorisches Museum

La grande torre di Babele di Pieter Bruegel il Vecchio

La grande torre di Babele di Pieter Bruegel il Vecchio
La grande torre di Babele di Pieter Bruegel il Vecchio

Pieter Bruegel il Vecchio, La grande torre di Babele, 1563, olio su tavola, 114 x 155 cm. Vienna, Kunsthistoriches Museum

Continua la lettura e Consulta la scheda dell’opera…

Ti possono interessare anche: Arte fiamminga, La Bibbia nell’arte

Indice

Descrizione de La grande torre di Babele di Pieter Bruegel il Vecchio

Al centro dell’immagine dipinta da Bruegel, si trova un grande edificio in costruzione. Infatti, si osservano alti ponteggi, collegati da rampe, sui quali si muovono piccole figure umane. A sinistra della scena, si può notare che la facciata della grande torre è già completa mentre il cantiere si sviluppa nella parte centrale. A destra, invece, compare la roccia nuda sulla quale lavorano gli uomini. La facciata è di colore ocra-giallo ed è costituita da anelli concentrici a salienti rafforzati da contrafforti che incorniciano aperture ad arco a tutto sesto.

La vetta della torre rivela la struttura interna, di colore ocra-rosso. Si intravedono contrafforti obliqui, archi e aperture e altri ponteggi. In alto, poi, una nube trasita di fronte alla vetta.

Un porto animato da marinai e navi si trova a destra, in basso. Invece, a sinistra si sviluppa una città. Infine, sullo sfondo si aprono prati e coltivazioni che, insieme al mare, confinano in lontananza con il cielo luminoso e terso.

Interpretazioni e simbologia de La grande torre di Babele di Pieter Bruegel il Vecchio

I due dipinti di Bruegel indicati come La grande torre di Babele e La piccola torre di Babele si riferiscono a un episodio biblico. La narrazione della costruzione della mitica torre di Babele si trova infatti nel Libro della Genesi. Gli abitanti della città decisero per ambizione di costruire un edificio molto alto simbolo del loro sviluppo. Dio però non apprezzò questa scelta e causò confusione nel popolo confondendo le menti delle persone.

La citazione biblica

«Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole. Emigrando dall’oriente gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Sennaar e vi si stabilirono. Si dissero l’un l’altro: “Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco“. Il mattone servì loro da pietra e il bitume da cemento. Poi dissero: “Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra“. Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che gli uomini stavano costruendo. Il Signore disse: “Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola; questo è l’inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro impossibile. Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua, perché non comprendano più l’uno la lingua dell’altro”. Il Signore li disperse di là su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città. Per questo la si chiamò Babele, perché là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra.» (Genesi 11, 1-9.)

Nel testo biblico la torre di Babele è descritta come il simbolo della presunzione umana. Invece, nelle interpretazioni antiche diventò una costruzione magica e nel tempo si caricò di significati simbolici.

La rappresentazione della torre di Babele nella cultura antica

L’edificio divenne un tramite tra Dio e l’umanità e la sommità della torre permetteva agli asteologi di studiare il cielo notturno. Nelle rappresentazioni la torre è spesso costituita da fasce concentriche che si susseguono verso l’alto. Questa struttura ricorda quella delle ziggurat sumere e secondo gli esperti riflette la struttura del cosmo. Ad ogni livello corrisponde così un segno zodiacale o una sfera planetaria.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Articolo correlato

Ritratto dei coniugi Arnolfini di Jan Van Eyck

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Rainer Hagen, Rose-Marie Hagen, Bruegel, Taschen, Collana: Basic, 2016, EAN: 9783836562256
  • Larry Silver, Bruegel, Giunti Editore, Collana: Atlantissimi, 2019, EAN: 9788809874848
  • Manfred Sellink, Nel segno di Bruegel, Skira, Collana: Cataloghi di arte antica, 2019, EAN: 9788857239538
  • Marco Bussagli, Bruegel, Giunti Editore, Collana: Dossier Gold, 2019, EAN: 9788809880733
  • Jürgen Müller, Bruegel. The complete paintings. 40th Anniversary Edition, Taschen, 2020, EAN:9783836580960

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 7 agosto 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Pieter Bruegel il Vecchio intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Pieter Bruegel il Vecchio

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Pieter Bruegel il Vecchio, La grande torre di Babele, sul sito del Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Grazie per aver consultato ADO

ADO content