Il Ritratto di Carlo VII di Jean Fouquet

Nel suo Ritratto di Carlo VII, Jean Fouquet si ispirò ai ricordi italiani utilizzando in parte uno stile rinascimentale.

Jean Fouquet, Ritratto di Carlo VII, 1444? Tavola dipinta, 86 x 72 cm. Parigi, Musée du Louvre

Indice

Descrizione del Ritratto di Carlo VII dipinto da Jean Fouquet

Il Ritratto di Carlo VII di Jean Fouquet è occupato, per la maggior parte del piano pittorico, dalla figura del sovrano. In basso il re si appoggia ad una spalliera damascata probabilmente di una poltrona. Il sovrano indossa poi un pesante abito che crea delle profonde pieghe sul torace. Le braccia sono avvolte dalle maniche dell’abito dalla stoffa molto spessa che crea voluminosi panneggi.

Intorno al collo e alle mani sono disposti degli inserti in pelliccia. Le mani, parzialmente coperte dalla questa pelliccia, sono intrecciate. Da questo profondo e pesante abito emergono il collo e la testa di Carlo VII che è rappresentato in età matura. Infatti il volto è profondamente segnato. Sul capo indossa infine un cappello decorato. Il fondo è monocromo senza profondità. Ai lati della figura si apre una cortina di tende leggere.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Il colore del Ritratto di Carlo VII di Jean Fouquet

La struttura cromatica del Ritratto di Carlo VII di Jean Fouquet è per la maggior parte dominata dal rosso acceso dell’abito del sovrano. Il fondo è verde, bidimensionale e crea un contrasto di complementarietà con il rosso del tessuto. Tale contrasto contribuisce ad equilibrare la composizione.

In basso la spalliera sulla quale si appoggia il sovrano è in damasco dal colore ocra brillante con riflessi dorati e profondità marroni. La cortina di tende che si apre ai lati del sovrano invece è bianca approfondita da velature grigie e ocra.

Il cappello del sovrano è blu scuro arricchito da bagliori tendenti al morbido velluto e decorato con strisce a zig zag dorate. Infine l’incarnato di Carlo VII tende all’arancio ed è molto intenso sul naso, sulle labbra e sulle guance.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

L’illuminazione

La luce è diffusa, proviene dall’alto e si riflette direttamente sull’occhio destro del re. Infatti è pienamente illuminata la zona centrale del volto.

Anche l’abito e i particolari dell’ambiente, le tendine e la spalliera del sedile sono illuminati frontalmente. Si creano così ombre nette ma molto sottili sull’abito e sul volto. Sono particolarmente evidenti infatti le pieghe della guancia e quella del naso che lo rende notevolmente importante.

Lo stile del Ritratto di Carlo VII

Lo stile con il quale è stato dipinto il Ritratto di Carlo VII di Jean Fouquet ricorda, seppur molto lontanamente, la pittura italiana del quattrocento. La luce crea infatti chiaroscuri abbastanza decisi e volumetrici. Il volto poi è modellato in modo efficace grazie al chiaroscuro. La superficie della pelle appare, nonostante le rughe, liscia e levigata. Ricorda, in un certo senso, i volumi di Piero della Francesca.

Lo spazio

Carlo VII è appoggiato sulle braccia e dietro di lui si aprono due tendine. Il fondo crea poi uno spazio piatto e bidimensionale. Il primo piano occupato dal sovrano è quindi l’unico presente e determina una limitata profondità.

La composizione e l’inquadratura

La leggera torsione del sovrano verso destra rende più movimentata la composizione. Le due tendine poi contribuiscono a determinare una certa simmetria.

Le linee compositive àncorano la composizione al torace del sovrano. Da qui partono infatti delle linee oblique a raggiera verso l’alto che formano una base compositiva al volto del re. Il centro psicologico è il viso di Carlo VII e secondariamente le sue mani intrecciate e nascoste sotto le maniche.

Articolo correlato

Ritratto di Carlo V a cavallo di Tiziano Vecellio

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Carlo Ginzburg, Jean Fouquet. Ritratto del buffone gonella, Franco Cosimo Panini, Collana: Figure, 1996, EAN: 9788876867507

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 21 febbraio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Jean Fouquet intitolate:

  • Il Ritratto di Carlo VII

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Jean Fouquet, Ritratto di Carlo VII sul sito del Musée du Louvre di Parigi.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.