Il Mosè di Michelangelo

Il Mosè di Michelangelo fu pensato e scolpito per decorare la tomba di Papa Giulio II insieme a circa cinquanta altre statue.

Michelangelo, Mosè, 1513-1516, marmo, altezza 235 cm. Roma, San Pietro in Vincoli

Indice

Descrizione della statua Il Mosè di Michelangelo

Mosè è seduto con il busto leggermente arcuato. La gamba destra è flessa e il piede saldamente posato a terra. La gamba sinistra, invece, è abbassata e il piede, portato indietro, poggia solo sulle dita. Mosè con la mano destra, che stringe alcune ciocche della barba, sostiene le tavole della legge chiuse. Il braccio sinistro, invece, è abbandonato in avanti e la mano posata contro il ventre. Infine il viso è ruotato verso destra di chi osserva.

Il suo aspetto fisico è quello di un uomo robusto e vigoroso. Infatti, la sua prestanza si intuisce dalle rilevanze della veste e dalla muscolatura delle braccia. I tratti fisionomici sono quelli di un uomo anziano. Il viso però è ancora volitivo e il suo sguardo esprime una grande forza. Porta capelli mossi e folti mentre la barba e i baffi creano lunghe ciocche che ricadono in basso fino alla vita. Sul capo sono evidenti due piccole corna smussate. Infine, il profeta indossa una semplice tunica che lascia scoperte le braccia.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni e la storia espositiva

Giulio II commissionò la sua tomba a Michelangelo. L’artista, nel complesso progetto del 1505 disegnato per il pontefice, concepì circa cinquanta statue a tutto tondo. Alcune, realizzate, sono ora disperse tra i musei come i Prigioni. In particolare, Schiavo morente e Schiavo ribelle sono dello stesso periodo del Mosè. Quella del profeta fu la prima scultura ad essere realizzata, terminata nel 1513-1516 e ritoccata nel 1542 per creare la torsione del volto, prima frontale.

L’artista e la società. La storia dell’opera Il Mosè di Michelangelo

Nello stesso periodo Leonardo, invece, propose lo sfumato con il quale realizzerà la Gioconda. Raffaello, poi, riuscì ad ispirarsi alle invenzioni pittoriche di entrambe e a creare figure di estrema eleganza come nello Sposalizio della Vergine. Giulio II eletto nel 1503 chiamò Michelangelo a Roma. Il pontefice dal carattere combattivo e determinato decise di ridare importanza politica allo Stato Vaticano. Promosse così una intensa opera di mecenatismo per dare lustro agli edifici. Per questo si avvalse degli artisti più famosi come Raffaello e Bramante.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de Il Mosè di Michelangelo

Il linguaggio plastico utilizzato da Michelangelo per il Mosè è fortemente plastico anche nelle sue opere pittoriche come le figure del Tondo Doni. Con le opere realizzate dai grandi artisti del primo Cinquecento si crea uno stile definito moderno. Il riferimento è l’arte classica della quale si riprendono le proporzioni, l’armonia, l’idealizzazione delle figure e la monumentalità delle forme.

Articolo correlato

Mosè fa scaturire l’acqua dalla roccia di Agnolo Bronzino

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Sigmund Freud, Il Mosè di Michelangelo, 1 marzo 1977, Bollati Boringhieri Collana: Biblioteca Bollati Boringhieri, EAN: 9788833902142
  • Antonio Forcellino, Michelangelo. Una vita inquieta, 2007, 7 edizione, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842084761
  • Cristina Acidini, Michelangelo, 8 febbraio 2017, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art Anno edizione: 2016, EAN: 9788809994225
  • Giulio Busi, Michelangelo. Mito e solitudine del Rinascimento, 31 ottobre 2017, Mondadori, Collana: Le scie. Nuova serie Anno edizione: 2017, EAN: 9788804681755

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Michelangelo intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Michelangelo

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Michelangelo, Mosè, sul sito del MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo).

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.

Una risposta a “Il Mosè di Michelangelo”

I commenti sono chiusi.