I Corsari, i pirati del mare di Plinio Nomellini

I Corsari, i pirati del mare di Plinio Nomellini è un dipinto simbolista dell’artista che documentò la vita dei lavoratori del mare e le loro fatiche.

Plinio Nomellini, Corsari, i pirati del mare, olio su tela e su tavola, cm 94 x 5 x 160,5 tela centrale e cm 27,5 x 160 predella in legno. Genova, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione del dipinto I Corsari, i pirati del mare di Plinio Nomellini

Il dipinto presenta una scena centrale e tre predelle sottostanti. Nella scena centrale è raffigurata una barca che naviga in mezzo ad un mare mosso. Un marinaio che indossa solo un mantello avvolto intorno alla vita rema in piedi a poppa vicino al timone. Inoltre le teste degli altri marinai si intravedono sotto la grande vela ammainata e avvolta intorno all’albero. Le onde creano un intrico di spuma in primo piano mentre sul fondo il mare confina con un cielo turbolento e pieno di nubi. A destra inoltre volano alcuni gabbiani e giocano tra le onde. Infine le tre immagini in basso raffigurano le onde che si infrangono sugli scogli e a destra un tramonto marino.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto I Corsari pirati del mare di Plinio Novellini si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Genova in seguito al premio assegnato dal Comune nell’estrazione annuale della Società Promotrice di Belle Arti di Genova del 1910. È visibile ora nella raccolta intitolata “Divisionismo e Simbolismo in Liguria”.

Plinio Nomellini fu un artista italiano nato a Livorno nel 1866. La Gam di Genova acquisì l’opera invece nel 1910 quando l’artista aveva ormai 54 anni.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto I Corsari, i pirati del mare di Plinio Nomellini

I Corsari di Plinio Nomellini è un olio su tela e tavola di 94 x 60,5 cm la tela centrale. La predella in legno invece misura 27,5 x 160 cm.

Nel dipinto centrale prevalgono colori caldi e scuri dalla intensa luminosità. Infatti dalla zona centrale si diffonde una luce gialla che diventa arancio e poi si diffonde nel cielo con bagliori violetti e indaco. Nella predella invece le prime due scene che riprendono le onde sono fredde e risolte con vari toni di blu e azzurro. Infine l’immagine a destra riprende i colori caldi della scena centrale.

La grande onda di Kanagawa di Hokusai

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Nadia Marchioni, Plinio Nomellini. Dal divisionismo al simbolismo verso la libertà del colore. Catalogo della mostra (Seravezza, 14 luglio-5 novembre 2017). Ediz. a colori, Maschietto Editore, 2017, EAN: 9788863941340

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 11 gennaio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Plinio Nomellini intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Plinio Nomellini, Corsari, i pirati del mare, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Genova.