La presentazione di Gesù al Tempio del Guercino

Simeone, come aveva promesso Dio, riesce a vedere il Messia prima della Morte. Nel dipinto La presentazione di Gesù al Tempio del Guercino, il Sacerdote in alto accoglie la Sacra Famiglia.

Giovan Francesco Barbieri detto il Guercino, La presentazione di Gesù al Tempio, 1623, olio su rame, 72.5 x 65 cm. Londra, National Gallery

Descrizione. Gesù Bambino presentato a Simeone nel Tempio di Gerusalemme

Maria e Giuseppe portano il neonato Gesù al Tempio per consacrare il bambino a Dio quaranta giorni dalla Nascita. Li accoglie Simeone, un uomo giusto e devoto, che aveva ottenuto da Dio la promessa di conoscere il Messia prima della morte. Nel Tempio di Gerusalemme il Sacerdote è seduto di profilo, in alto e apre le braccia per ricevere il piccolo Gesù. Accanto a lui, un giovane, tiene aperto un pesante libro sacro. Giuseppe prende il Bambino dalle braccia di Maria per porgerlo all’anziano mentre la Vergine accompagna il figlio con un panno immacolato. Maria è raffigurata molto giovane. Veste un abito rosso e un mantello blu. San Giuseppe, invece, ha una folta barba, capelli ricci e grigi ed ha l’aspetto di un uomo maturo e vigoroso.

In basso, a destra, in prossimità dell’angolo del dipinto, la puerpera presenta una cesta con due anatre mentre altre due colombe sono ferme sul gradino. I volatili rappresentano l’offerta al Tempio. Dietro a Maria una seconda madre regge il proprio figlio accompagnata da un uomo molto anziano. In alto, a destra si innalzano le architetture del grande tempio mentre a sinistra, oltre le mura, il cielo azzurro è attraversato da alcune leggere nuvole.

Il 7 febbraio 2020 si celebra la “Giornata contro il bullismo e il cyberbullismo”. Ecco un approfondimento su opere d’arte che trattano l’argomento Arte e Bullismo. Leggi tutto…

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto La presentazione di Gesù al Tempio del Guercino

L’illuminazione è diffusa e crea un modellato scultoreo e nitido. La composizione del dipinto è strutturata in piani rigorosamente disposti e sovrapposti. Queste due caratteristiche, secondo gli storici, furono influenzate dalle opere romane del Domenichino. I colori, infine, sono brillanti e terrosi tranne il manto della Vergine di un blu molto saturo e intenso.

Approfondimenti

Il Guercino dipinse La presentazione al Tempio di Gesù per conto di Bartolomeo Fabri. Il dipinto, però tornò di sua proprietà come parte del risarcimento di un debito. Fu, così, esposto sopra il suo letto fino al 1660, data nella quale lo vendette al dotto francese Raphael Dufresne.

Consulta la pagina dedicata al dipinto del Guercino, La presentazione di Gesu al Tempio, sul sito della National Gallery di Londra.