Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX. di Cesare Andreoni

Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX. di Cesare Andreoni è un dipinto realizzato dal vero che risale agli anni della Seconda Guerra Mondiale.

Cesare Andreoni, Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX, data?, acquerello su carta, cm 64×42. Roma, Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio

Indice

Descrizione di Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX. di Cesare Andreoni

Una folla di profughi attende la partenza mentre alcuni si riparano all’interno dei vagoni aperti. A sinistra inoltre si notano le macerie di alcuni edifici mentre a destra in lontananza le case sono affiancate da piccoli tralicci. In primo piano a destra infine si intravede il retro di un grande vagone ferroviario.

Interpretazioni e simbologia di Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX. di Cesare Andreoni

L’immagine si riferisce ad un fatto avvenuto sul fronte Russo nell’aprile del 1942, XX anno del regime fascista. L’impegno bellico nella campagna di Russia impegnò l’esercito italiano dall’agosto 1941 al 20 gennaio 1943. La campagna di Russia si concluse drammaticamente con la disfatta italiana che causò decine di migliaia di dispersi e morti sul campo. Il CSIR (Corpo di spedizione italiano in Russia) subì 1.792 tra morti e dispersi e 7.858 feriti e congelati. L’8ª Armata invece ebbe 75.000 morti e dispersi e 32.000 tra feriti e congelati. L’invio del contingente italiano in Russia seguì l’attacco di Hitler che attraverso l’operazione Barbarossa aggredì l’Unione Sovietica all’alba del 22 giugno 1941.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Questo acquerello su carta comparve nella “Prima mostra degli artisti italiani in armi” organizzata dal regime fascista e inaugurata dal Re d’Italia nel 1942. L’esposizione celebrava gli artisti-soldato che parteciparono alle azioni di guerra in Russia e altri fronti aperti. Questo disegno fa parte delle 797 opere di pittura e grafica ritrovate nel gennaio 2016 durante il restauro dell’edificio che dal 1939 ospita l’Istituto storico e di cultura dell’Arma del Genio dell’Esercito italiano.

La storia dell’opera Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX. di Cesare Andreoni

Cesare Andreoni che partecipò alla seconda guerra mondiale nacque nel 1903 a Milano e morì nella stessa città nel 1961.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX. di Cesare Andreoni

L’acquerello su carta di Andreoni è ben dettagliato e le figure sono definite da un leggero chiaroscuro. Nell’insieme la resa dell’immagine è illustrativa e racconta con partecipazione l’avvenimento storico.

La tecnica

Cesare Andreoni realizzò questo acquerello su una carta di 64 x 42 cm.

Il colore e l’illuminazione

I colori dell’opera sono tendenzialmente caldi determinati dal fondo ocra della carta. A destra il colore più acceso è destinato al vagone ferroviario. Gli abiti dei personaggi invece sono resi con colori grigi e freddi.

Lo spazio

Lo spazio tridimensionale e la profondità sono determinati grazie alla progressiva diminuzione delle figure e delle abitazioni verso il fondo dell’immagine.

La composizione e l’inquadratura

L’opera è di forma rettangolare e l’inquadratura orizzontale racchiude la scena che si svolge dal primo piano verso il fondo dell’opera. Nell’insieme la disposizione delle figure descrive un ambiente movimentato verso l’ingresso del vagone e verso il fondo dell’opera.

Articolo correlato

Segnalatori apparecchiatura ottica 45 mm di Michele Agnoletto

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Artisti Italiani in Armi la collezione ritrovata, Catalogo della mostra, STADIO DI DOMIZIANO, Aprile-Giugno 2017, ESERCITO ITALIANO, Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 12 maggio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Cesare Andreoni intitolate:

  • Fronte russo. Partenza dei profughi. Aprile 1942 XX.

Leggi La vita e tutte le opere di Cesare Andreoni

Consulta il sito dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio di Roma.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera