Episodio della battaglia di Custoza. Il principe Amedeo Ferito viene accompagnato dall’ambulanza di Giovanni Fattori

Un momento bellico del Risorgimento italiano rappresentato da Giovanni Fattori con una scena priva di eroismo e celebrazione. Il principe Amedeo ferito viene accompagnato dall’ambulanza, si avvicina ad una descrizione di cronaca nella quale emergono i drammi della guerra.

Giovanni Fattori, Episodio della battaglia di Custoza. Il principe Amedeo Ferito viene accompagnato dall’ambulanza, 1870, olio su tela, cm 100 × 265. Milano, Pinacoteca di Brera

Descrizione. Il principe Amedeo si avvicina all’ambulanza sorretto dai suoi attendenti

Gli attendenti sostengono il Principe Amedeo Ferito e lo accompagnano verso l’ambulanza giunta per prestare soccorso. Il principe si trova al centro del gruppo di ufficiali a piedi mentre a destra altri soldati a cavallo controllano le cavalcature dei loro compagni. A sinistra, il carro dell’ambulanza è fermo in prossimità di un gruppetto di alberi sotto i quali stazionano altri soldati a cavallo. Davanti a loro, alcuni cadaveri di soldati morti si intravedono a terra fra l’erba.

Sul lato opposto, a sinistra, in prossimità del bordo del dipinto si nota un altro gruppo di cavalieri lontano. La scena è ambientata tra colline verdi, punteggiate di arbusti e di alberi. All’orizzonte, poi, si alza verso destra, un leggero pendio mentre in lontananza la linea delle montagne si alza verso il cielo illuminato da grandi nuvole chiare.

Interpretazioni del dipinto di giovanni fattori

La descrizione di avvenimenti storici riguardante i fatti del Risorgimento italiano fu affrontata da Giovanni Fattori con un atteggiamento antiretorico. Come nella battaglia di Magenta del 1862, l’artista affronta il tema con un taglio realistico e privo di celebrazioni. Fattori scelse di non documentare l’azione del ferimento o un momento maggiormente glorioso. Piuttosto, decise di illustrare un aspetto più ordinario dell’avvenimento, nel quale il personaggio del principe, quasi, si perde tra gli altri presenti sulla scena. L’urgenza di rappresentare la realtà sulla tela portò Fattori ad interpretare la scena con lo sguardo di un soldato semplice o di una persona qualunque.

Diversamente da immagini di celebrazioni belliche, nelle quali gli artisti forzano colori e forme del paesaggio per sottolineare il momento epico o drammatico, Fattori fa il contrario. I personaggi sulla scena assumono il carattere del paesaggio serale riportando i fatti umani all’ordine naturale della vita.

Lo stile del dipinto Il principe Amedeo Ferito viene accompagnato dall’ambulanza di Giovanni Fattori

Nel dipinto che testimonia il ferimento e il soccorso del principe Amedeo la macchia non è presente nella sua piena astrazione. Nonostante ciò i personaggi che affollano la scena sono dipinti attraverso una sintesi stilistica che si avvicina alle sperimentazioni più azzardate. Infatti è in dipinti quali La rotonda dei bagni Palmieri e Signora all’aperto, del 1866 che le campiture si fanno decise e prive di descrizione locale. Le divise dei militari sono costruite attraverso piccole campiture di colore accostate che creano volume e chiaroscuro. La linea di contorno chiarisce le forme e, nonostante l’assenza di colore sfumato, la pelle degli stivali appare lucida nelle pieghe.

Il mantello dei cavalli, costruito per campiture tonali di varianti chiare e scure, rivelano superfici lucenti e morbide che rendono bene il pelo dell’animale. Il tema dei militari a cavallo sarà trattato in molti quadri da Giovanni Fattori come nel dipinto Gruppo di Lancieri su strada del 1893. Un utilizzo più deciso della macchia si può notare nelle figure più distanti e nella descrizione del paesaggio, in primo ed in secondo piano.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto è piuttosto scuro poiché ambientato al calare del sole. Il paesaggio è quasi in controluce e solo le montagne e il cielo sono illuminati pienamente. Infatti, considerando le ombre lunghe, a sinistra, che si proiettano dai piedi dei soldati si intuisce che il sole, ormai basso, si trova a sinistra. L’illuminazione della scena è , quindi, frontale, ma appena sufficiente a rivelare particolari e fisionomie attraverso deboli lumeggiature di colore chiaro.

Il paesaggio è completamente immerso nel verde scuro dei prati, ravvivato da deboli lame di luce solare rappresentate con un verde tendente al giallo. Soprattutto l’erba, sulla quale si trovano i corpi dei militari, è messa in evidenza da un tono di verde più chiaro e brillante. Le divise dei soldati si armonizzano con il verde perché dipinte con un blu spento e scuro. Il mantello dei cavalli, poi, offre una alternanza di zone marroni e zone grigio chiaro. Su tutta la scena domina, inoltre, uno spettacolare cielo a tratti azzurro con sfumature in rosa e violetto. Infine, la linea di montagne color indaco è ravvivata dalle zone colpite da ultimi raggi di sole che creano luci rosate.

Lo spazio del dipinto Il principe Amedeo ferito

La spazialità della scena è ampia e distesa. Il formato stesso del dipinto consente una sua lettura, quasi, cinematografica. Il principe Amedeo, infatti, presunto soggetto del dipinto, non è immediatamente evidente e compare dopo una attenta osservazione. È con questo stratagemma narrativo che Giovanni Fattori crea lo spazio con il contributo dell’osservatore che percorre con lo sguardo la fila di militari per individuare il principe ferito. Le distanze e le profondità sono, comunque, costruite mediante prospettiva di grandezza, attraverso la diminuzione progressiva delle figure. Anche il contrasto creato dal tipo di illuminazione, permette di risolvere la profondità che si espande fino all’orizzonte rappresentato dalla linea dei monti.

La Composizione e l’inquadratura

Il formato del dipinto Il principe Amedeo Ferito viene accompagnato dall’ambulanza è panoramico, molto sviluppato in orizzontale. La fascia in primo piano, per due terzi dell’altezza, è occupata dal paesaggio nel quale è ambientata la scena storica. In alto, il cielo, al quale viene dato molto spazio, crea una fascia luminosa che domina su tutto il quadro.

La struttura della composizione è ancorata al gruppo dei militari, disposti su di una linea ondulata che parte da sinistra. Inizia, in prossimità del gruppo di alberi, sotto i quali vi sono alcuni corpi di militari caduti, e l’ambulanza. Prosegue, poi, verso il gruppo centrale con il principe Amedeo. Continua verso i lancieri di destra, i cavalli degli attendenti e, infine, verso i cavalieri lontani, giungendo fino alle montagne dello sfondo. Questa linea compositiva indica anche un percorso narrativo che parte proprio dai cadaveri riparati presso il gruppo di alberi e termina nelle montagne illuminate e lontane.

Approfondimenti

Il dipinto che celebra uno degli episodi risorgimentali fu esposto all’Esposizione Nazionale di Belle Arti nel 1872.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giovanni Fattori, Episodio della battaglia di Custoza. Il principe Amedeo Ferito viene accompagnato dall’ambulanza, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano