Ritratto di Clemente IX del Baciccio

Giovan Battista Galli fu detto il Baciccio, di origini genovesi, con lui si concluse l’opera della Controriforma portata avanti dai Gesuiti. Il ritratto di Clemente IX fu dipinto a Roma dove l’artista operò dal 1668 al 1683.

Baciccio, Ritratto di Clemente IX Rospigliosi, 1667, cm 74×60. Ariccia, Palazzo Chigi

Descrizione. Il ritratto di un Papa della Controriforma

Clemente IX è rappresentato con il busto orientato a sinistra e con il viso rivolto in centro. La mano destra è sollevata in atto di benedire. Il suo sguardo incrocia deciso quello dell’osservatore del dipinto ed esprime un carattere sicuro. Il pontefice è consapevole del suo potere ed è intenzionato a comunicarlo attraverso la tela del Baciccio. Il viso di Clemente IX è magro e pallido, scavato sulle gote e sulle tempie. Gli occhi, piccoli ma acuti, sono leggermente incavati quasi privi di sopracciglia. Il naso è lungo e aquilino e la fronte ampia.

I baffi scendono ai lati della bocca mentre il mento è coperto da un pizzetto lungo e ormai grigio. Alcuni capelli, anch’essi grigi, spuntano dal berretto papale che copre completamente la testa e parte della fronte. Il collo esile scompare nel colletto della mantellina che pare troppo ampio. Infatti, la mozzetta, di tessuto pesante, si chiude in alto, con un colletto chiaro che continua nel bordo del cappuccio piegato sulla schiena.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Realismo e stile ufficiale per il ritratto di Clemente IX

Il fondo del dipinto è scuro e bidimensionale. Non compare alcun elemento, arredo o parte dell’architettura. L’illuminazione, pertanto, mette in risalto in modo esclusivo la figura del pontefice. Il rosso della mozzetta e della papalina dominano interamente la composizione cromatica. L’intera figura, inoltre, sembra ritagliata dal fondo scuro e privo di ombre. Infine il busto di Clemente IX crea un triangolo compositivo, grazie alla sua lateralità, che pone in gran evidenza il volto del pontefice.

Il modellato del viso è molto attento e la fisionomia di Clemente IX è posta in evidenza grazie al contrasto tra la luce e le ombre che disegnano il volto. Il panneggio della mozzetta, invece, è più potente e si rivela attraverso le numerose pieghe illuminate che si formano in corrispondenza della sua spalla sinistra.

Approfondimenti

Altri famosi ritratti di pontefici furono realizzati da RaffaelloVelasquez.

Consulta la pagina dedicata al dipinto del Baciccio, Clemente IX, sul sito della Palazzo Chigi di Ariccia.