Deposizione di Rosso Fiorentino

Il manierista Rosso Fiorentino dipinse una Deposizione dalle atmosfere irreali e sognanti. Il dipinto ricorda le anatomie di Michelangelo e la grazia di Raffaello.

Rosso Fiorentino, Deposizione, 1521, olio su tavola, cm 337 x 196. Volterra, Pinacoteca

Descrizione. Una deposizione che pare un elegante e sofisticato balletto

Cristo viene deposto dalla croce dagli uomini che gli sono intorno. La croce ha una struttura massiccia che crea una potente macchina scenica insieme alle scale di legno. Tra i quatto personaggi posti in alto vi sono Nicodemo e Giuseppe di Arimatea che si affannano per deporre il corpo esanime del Maestro. I loro volti sono tesi nello sforzo e le loro espressioni intense e concentrate. In basso Maria è sostenuta da due donne mentre la Maddalena inginocchiata la abbraccia. A destra invece il giovane apostolo Giovanni viene confortato da un adolescente.

I Committenti e la storia espositiva

Rosso Fiorentino, pittore manierista, fu molto richiesto nelle corti italiane ed europee. Si trasferì infatti in Francia a Fontainebleau dove fu promotore dello sviluppo di una scuola locale.

Lo stile della Deposizione di Rosso Fiorentino

Le influenze che agirono sulla pittura di Rosso Fiorentino derivarono soprattutto da Michelangelo. Dal grande maestro del Rinascimento derivò il colore, la composizione e il modellato dei corpi seppur più asciutto. Le anatomie infatti risultano molto curate ma piuttosto legnose. Da Raffaello, invece deriva la grazia delle posture molto evidente nel gruppo delle donne che accompagna Maria. Le posizioni degli uomini che operano nella parte alta sono invece insolite e molto artificiose. Per questo gli storici e i critici le hanno descritte con diverse metafore. Alcuni vi hanno visto una particolare danza scenica. Altri invece hanno paragonato i personaggi che si affannano sulle scale a dei ragni.

La luce scultorea e fredda crea un’atmosfera fantastica e irreale. I colori delle vesti sono brillanti e il loro chiaroscuro trasforma i tessuti in legno scolpito.

La composizione della Deposizione di Rosso Fiorentino è articolata su due registri sovrapposti. Le due parti sembrano scene autonome create per coinvolgere al massimo l’osservatore. In altro si forma un vortice che ruota e asseconda il bordo a tutto sesto del dipinto. In basso invece i due gruppi di personaggi sono collegati dalla figura obliqua della Maddalena inginocchiata.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Rosso Fiorentino, Deposizione, sul sito della Pinacoteca di Volterra.