Colonna in rifornimento di Renzo Mazzorin

Colonna in rifornimento di Renzo Mazzorin raffigura l’approvvigionamento di materiali di prima necessità ai soldati italiani di stanza al fronte di combattimento durante la Seconda Guerra Mondiale.

Renzo Mazzorin, Colonna in rifornimento, data?, china su carta, 52 x 42 cm. Roma, Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio

Indice

Descrizione di Colonna in rifornimento di Renzo Mazzorin

In primo piano i militari scaricano dei barili da un mezzo coperto e li trasportano rotolando in avanti. Di fronte a loro si allineano mezzi corazzati e unità di artiglieria.

Interpretazioni e simbologia di Colonna in rifornimento di Renzo Mazzorin

Il titolo dell’immagine Colonna in rifornimento raffigura alcuni militari impegnati a rifornire la colonna di soldati durante il suo spostamento. Questa attività è quindi ben rappresentata dalle fila ordinata di mezzi che procede in alto a sinistra

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’opera di Renzo Mazzorin partecipò alla Prima mostra degli artisti in armi del 1942 organizzata presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma.

La storia dell’opera Colonna in rifornimento di Renzo Mazzorin

Il sottotenente di artiglieria Renzo Mazzorin nacque a Venezia nel 1915. Partecipò quindi poco meno che ventenne alle azioni della Seconda Guerra Mondiale.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Colonna in rifornimento di Renzo Mazzorin

L’immagine è costruita con un tratteggio variamente orientato che crea un chiaroscuro efficace nel descrivere le figure. Si individuano infatti i volumi dei personaggi e l’interno scuro del mezzo dal quale vengono scaricati i barili.

La tecnica

Colonna di rifornimento è una china su carta di 52 centimetri di larghezza e 42 cm di altezza.

Il colore e l’illuminazione

La carta sulla quale Renzo Mazzorin disegnò la sua immagine è di colore ocra chiaro mentre gli interventi in china sono di colore grigio scuro.

Lo spazio

Il paesaggio nel quale è ambientata la scena è caratterizzato da una collina che sale sullo sfondo mentre in primo piano è rappresentata la strada sterrata sulla quale si muove la colonna. La profondità è suggerita efficacemente dalla fila di uomini e della diminuzione della grandezza dei mezzi verso l’angolo in alto a sinistra.

La composizione e l’inquadratura

L’immagine è di forma rettangolare e l’inquadratura orizzontale racchiude una parte della colonna e la scena in primo piano con i militari. La struttura compositiva inoltre è semplice e poggia sulla diagonale che sale da destra in basso. Questa composizione sottolinea la profondità dell’immagine.

Articolo correlato

Gli artisti soldato

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Artisti Italiani in Armi la collezione ritrovata, Catalogo della mostra, STADIO DI DOMIZIANO, Aprile-Giugno 2017, ESERCITO ITALIANO, Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 3 aprile 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Renzo Mazzorin intitolate:

  • Colonna in rifornimento

Leggi La vita e tutte le opere di Renzo Mazzorin

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Renzo Mazzorin, Colonna in rifornimento, sul sito dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio di Roma.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera