Chaïm Soutine di Amedeo Modigliani

Chaïm Soutine di Amedeo Modigliani è il ritratto dell’artista che frequentava il gruppo di giovani componenti della Scuola di Parigi.

Amedeo Modigliani, Chaïm Soutine, 1916, olio su tela, 100 x 65 cm. Parigi, collezione Jonas Netter

Descrizione del ritratto di Chaïm Soutine di Amedeo Modigliani

Un giovane uomo è seduto in posizione frontale con le mani poggiate sulle gambe. Il suo sguardo è rivolto a sinistra e sembra perso in ricordi lontani. I suoi lunghi capelli scuri poi sono pettinati e composti e solo un ciuffo lambisce la fronte sulla sinistra. Le labbra sono carnose e le gote arrossate. Infine indossa un ampio cappotto abbottonato di colore ocra. Lo sfondo scuro è privo di particolari.

Nel dipinto è ritratto Chaïm Soutine un altro giovane artista amico di Modigliani che faceva parte della Scuola di Parigi.

Amedeo Modigliani nacque a Livorno nel 1884 e morì tragicamente a 36 anni nel 1920 a Parigi. Nella città francese condusse una vita bohemien come molti altri giovani artisti che provenivano dal resto dell’Europa. Paul Alexandre fu il collezionista che sostenne Modigliani fin dal suo arrivo a Parigi nel 1906. Jonas Netter invece fu un importante collezionista che favorì la carriera di Modigliani acquistando le sue opere insieme ad altre dell’Ecole de Paris. Jeanne Hébuterne infine fu la musa e compagna di vita di Amedeo Modigliani a partire dal 1917. Il loro legame fu talmente stretto che la giovane incinta del loro secondo figlio si suicidò il giorno dopo la morte per tubercolosi dell’artista. I lavori migliori dell’artista secondo gli storici sono quelli realizzati a partire dal 1918. Il ritratto di Soutine fu quindi dipinto pochi anni prima quando Modigliani aveva ormai compiuto circa 34 anni.

Analisi del ritratto di Chaïm Soutine di Amedeo Modigliani

Amedeo Modigliani fece parte dell’École de Paris, l’ambiente artistico parigino del periodo che va dal 1900 al 1920. Nel dipinto si colgono le caratteristiche che resero famosi i dipinti dell’artista. Infatti la figura dell’amico è allungata verso l’alto e molto semplificata. Le forme sono circoscritte da un segno scuro e colorate poi con campiture bidimensionali. Non sono ancora però presenti i tipici occhi vuoti che rendono misteriosi i volti dei suoi personaggi.

Il Ritratto di Soutine è dipinto con un impasto di colori ad olio stesi su una tela di 100 x 65 cm.

L’opera presenta una dominanza di colore caldo. Infatti il dipinto è risolto con diversi toni di bruno, rosso e giallo. La figura di Soutine inoltre si evidenzia dallo sfondo grazie a contrasti di luminosità. Lo sfondo è molto scuro mentre il cappotto del protagonista crea un’ampia massa chiara. L’incarnato è brillante e realizzato con arancio e giallo chiaro mentre lo sfondo presenta una minore saturazione.

Lo spazio e la composizione

Il ritratto è chiaramente ambientato in uno spazio interno non completamente identificabile.

L’opera presenta una forma rettangolare che si sviluppa in verticale. Inoltre l’inquadratura mette al centro del dipinto la figura simmetrica del protagonista.

La passeggiata di Marc Chagall

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Giorgio Cortenova, Modigliani, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2017, EAN: 9788809994157
  • Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre. Catalogo della mostra (Livorno, 7 novembre 2019-16 febbraio 2020), Curatore: Marc Restellini, Editore: Sillabe, 2019, EAN: 9788833401188

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 29 gennaio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Amedeo Modigliani intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Amedeo Modigliani, Chaïm Soutine, sul sito del collezione Jonas Netter di Parigi.