Satana guarda le effusioni di Adamo ed Eva di William Blake. Illustrazioni di un artista visionario

Blake realizzò molte immagini per illustrare le sue opere letterarie. Satana guarda le effusioni di Adamo ed Eva è ispirata all’episodio della Bibbia.

William Blake, Satana guarda le effusioni di Adamo ed Eva, 1808, acquerello e matita, cm 50,5 x 38, Boston, Museum of Fine Arts

William Blake, un artista visionario ispirato dalla Bibbia e da Shakespeare

Per creare le proprie opere come, Satana guarda le effusioni di Adamo ed Eva, William Blake prese spesso ispirazione dalla letteratura. Blake amava I poemi di Shakespeare e le storie della Bibbia. Prendeva ispirazione anche da parti della Divina Commedia che suscitavano in lui visioni fantastiche. L’artista non credeva nella tradizione figurativa e attingeva direttamente dal suo immaginario creativo sollecitato dai testi letti. Molte delle immagini e dei personaggi che Blake ideò provengono dall’osservazione della scultura e dell’architettura gotica. Satana guarda le effusioni di Adamo ed Eva è una illustrazione ispirata ad un’opera letteraria.

Si tratta del libro IV del Paradiso perduto di Milton. Paradise Lost, sotto forma di poema epico, fu pubblicato nel 1667. Racconta l’episodio biblico della caduta dell’uomo, la tentazione di Adamo ed Eva, operata da Satana e la cacciata dal paradiso terrestre. Il personaggio principale è Satana considerato un angelo caduto. John Milton personifica Satana come un essere molto orgoglioso e ambizioso che sfida Dio Padre. Il demone considera Dio un tiranno creatore e dichiara guerra al Paradiso. Verrà, così, sconfitto e cacciato sulla terra. William Blake fu un grande ammiratore del poema di Milton e realizzò diverse illustrazioni.

Il Colore. Satana guarda le effusioni di Adamo ed Eva aleggiando sopra di loro nel cielo bicolore

L’illustrazione è monocromatica tendente al giallo oro con qualche zona di diverso colore. La testa del serpente, avvolta tra le mani di Satana, è rossa mentre un po’ di azzurro si intravede ai piedi di Adamo ed Eva. La corona di palme simmetriche è verde chiaro. Il cielo, verso destra, è giallo chiaro con bagliori arancio. Le parti più chiare sono giallo dorato mentre verso lo scuro il colore si intensifica e diventa bruno. William Blake utilizzò sempre, per le sue opere acquerelli e matite. I colori appaiono, quindi, vetrosi e trasparenti, molto brillanti. Un altro artista visionario operò in questi anni. Johann Heinrich Füssli che creo visioni mostruose tratte dalla mitologia nordica e dal bestiario medioevale.

Uno spazio mistico che protegge le effusioni di Adamo ed Eva

In primo piano vi sono le due immagini di Adamo ed Eva stretti in un abbraccio. Sono appoggiati sopra ad un mantello di fiori e vegetazione che crea un nido amoroso e naturale intorno ai due amanti. In alto aleggia Satana in un cielo notturno stellato, a sinistra, con una falce di luna in basso verso l’orizzonte. Le regole della prospettiva sono assenti, ma si può apprezzare la tridimensionalità grazie alla sovrapposizione dei corpi. Comunque, lo spazio occupato dalle immagini è ribaltato verso il primo piano e l’immagine diventa una figurazione iper decorata tendente alla bidimensionalità.

Il volume creato dal modellato dei corpi di Adamo ed Eva ricorda quello utilizzato da Michelangelo nella Cappella Sistina. Anche le posizioni dei due amanti con la torsione di Adamo verso il corpo di Eva ricordano i nudi della volta dipinta. Lo spazio è articolato in fasce sovrapposte. In basso la vegetazione, mentre, nella fascia centrale Adamo ed Eva ed in alto Satana con il serpente.

Satana che osserva le fusioni di Adamo ed Eva domina dall’alto una composizione simmetrica e rinascimentale

Nella grafica i corpi di Adamo ed Eva sono disposti in modo piramidale. Si crea un triangolo compositivo a partire dalla base gambe aperte a compasso dei due amanti. Il triangolo sale e si completa con l’apice sulla testa di Adamo. L’immagine è, per la parte che raffigura Adamo ed Eva, molto simmetrica. Le braccia di Adamo ed Eva corrono lungo il corpo in modo forzato e aderente alle gambe per sottolineare la linea ascendente del triangolo. Le due figure sono disegnate all’interno di un cerchio i cui bordi sono sottolineati da vegetazione e fiori. Due grandi foglie fiorate accolgono e proteggono Adamo ed Eva.

In basso una pianta con fiori segna il centro della simmetria che sale verso i due amanti in composizione triangolare. Il triangolo, oltre che una citazione rinascimentale è anche un simbolo massonico e alchemico. In alto, invece, Lo spazio occupato da Satana ha una dinamica diversa. Satana è raffigurato disteso con il capo verso destra. Con il corpo crea una curva concava verso l’alto e di andamento contrario al cerchio che contiene i due amanti. Il suo corpo non sembra procedere da sinistra a destra ma aleggia sopra alle due figure trattenuto dalla sua mano che lambisce il cerchio amoroso.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di William Blake, Satana guarda le effusioni di Adamo ed Eva, sul sito del Museum of Fine Arts di Boston.