Autoritratto al cavalletto di Salomon Adler

Autoritratto al Cavalletto è un’opera di Salomon Adler chiamato anche Cavalier Salomon. L’artista originario di Danzica fu un apprezzato ritrattista del tardo Seicento lombardo.

Salomon Adler, Autoritratto al Cavalletto, 1690 circa, olio su tela, cm 111 x 83. Milano, Pinacoteca di Brera

Descrizione

Autoritratto al Cavalletto raffigura il pittore Salomon Adler nell’atto di dipingere. L’artista è evidentemente nel pieno della sua maturità ed è abbigliato in modo informale. Indossa un copricapo dalla foggia molto particolare e osserva sorridendo verso il centro. Con la mano destra sollevata poi sta apportando un ritocco ad un ritratto che si intravede di fronte a lui. Nella mano sinistra infine sorregge la tavolozza e altri pennelli.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Analisi sintetica dell’Autoritratto al cavalletto di Salomon Adler

Il Cavalier Salomon, Salomon Adler, fu un ritrattista originario di Danzica. L’artista si stabilì in Lombardia e divenne un importante riferimento per la ritrattistica locale. Fu anche apprezzato da Fra’ Galgario. La sua vita fu infatti riportata da Francesco Maria Tassi autore settecentesco de “Vite de’ pittori, scultori e architetti bergamaschi”.

La pennellata del Cavalier Salomon nel suo Autoritratto al Cavalletto crea una superficie pittorica sfumata e accuratamente definita. Lo stile è realistico e il chiaroscuro definisce un modellato deciso soprattutto sul viso. Gli abiti sono panneggiati con un insieme di pieghe molto naturali. I colori sono caldi e si intensificano di tono e saturazione sul mantello rosso che Salomon Adler porta sulla spalla destra. Il fondo ha un colore più neutro e tendente al grigio. La luce colpisce il viso del soggetto dall’alto e lo mette in forte evidenza.

Lo spazio è intuibile dal diverso trattamento del fondo, meno luminoso. Il contrasto di luminosità e la minore definizione delle superfici porta in secondo piano il dipinto che accompagna Autoritratto al Cavalletto. Il formato del dipinto è verticale e l’inquadratura incornicia la figura dell’artista tagliandone parzialmente la schiena.

Approfondisci con le altre opere sul tema dell’autoritratto esposte presso la Pinacoteca di Brera di Milano: Autoritratto a 57 anni di Francesco Hayez, Autoritratto di Giuseppe Bossi e Autoritratto di Martin Knoller.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Salomon Adler, Autoritratto al Cavalletto, sul sito del Milano di Pinacoteca di Brera.