Annunciazione di Federico Bianchi

L’Annunciazione di Federico Bianchi è una interpretazione dell’evento religioso rappresentato con toni teatrali e colori vivaci.

Federico Bianchi, Annunciazione, seconda metà sec. XVII, olio su tela, 140 x 180 cm. Varese, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea

Indice

Descrizione dell’Annunciazione di Federico Bianchi

La Vergine in basso a destra accoglie in piedi l’arcangelo Gabriele. Maria inoltre incrocia le braccia sul petto e abbassa lo sguardo abbozzando una espressione di timidezza. L’arcangelo invece è in alto a sinistra su una nuvola. Gabriele porge un giglio alla Madonna e indica la colomba in alto. Infine quattro angioletti osservano la scena. Due di loro sono in alto a destra abbracciati e altri due a sinistra in basso su una nuvola.

Interpretazioni e simbologia del dipinto Annunciazione di Federico Bianchi

L’arcangelo Gabriele per tradizione reca l’annuncio a Maria della sua maternità. Gabriele infatti porta un giglio simbolo di purezza. Inoltre indica la colomba che rappresenta lo Spirito Santo dal quale dipende la gravidanza di Maria.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2022-2023

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto di Federico Bianchi si trova presso il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Varese.

La storia dell’opera Annunciazione

Federico Bianchi nacque a Milano o a Masnago nel 1635 e morì nel 1719. La sua Annunciazione custodita a Varese non è di datazione certa e si presume sia stata dipinta intorno alla metà del Seicento.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Annunciazione di Federico Bianchi

Lo stile di Federico Bianchi secondo gli studiosi non presenta una coerenza particolare. I suoi maestri furono Procaccini e Carlo Villa. Inoltre Bianchi nelle sue opere si ispirò spesso a Giovan Battista Crespi detto il Cerano, e a Carlo Francesco Nuvolone della celebre famiglia di artisti lombardi. I personaggi del dipinto assumono pose teatrali mentre la scena acquista toni spettacolari. L’Annunciazione di Federico Bianchi è rappresentata con colori vivaci e con clima sereno ed estatico.

La tecnica

Il dipinto di Federico Bianchi è una tela di 140 x 180 cm dipinta con colori ad olio applicati con velature sovrapposte.

Il colore e l’illuminazione

L’opera presenta colori molto saturi e caldi. Solo il manto della Madonna è freddo e di colore blu. Il contrasto di luminosità poi è molto intenso per via dello sfondo quasi nero. L’illuminazione infine proviene frontalmente e da sinistra e mette in risalto le figure della scena.

Lo spazio

La scena religiosa si svolge in uno spazio indefinito a metà tra il divino e il terreno. Infatti gli angeli sono sostenuti da nuvole che galleggiano a destra mentre la Vergine è in piedi su un piano.

La composizione e l’inquadratura

L’opera è di formato rettangolare e sviluppata in verticale per rappresentare la verticalità dell’evento. L’azione infatti muove da Gabriele che porta lo sguardo in alto verso la colomba e in basso verso la Vergine. Inoltre la composizione è equilibrata con i personaggi collocati nei quattro quadranti del rettangolo. Infine i gigli sono posti al centro dell’incrocio delle diagonali del dipinto.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 27 agosto 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Federico Bianchi intitolate:

  • Annunciazione

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Federico Bianchi, Annunciazione, sul sito del Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Varese.