Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano di Giuseppe Nuvolone

L’Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano ricorda due condizioni necessarie alla serenità della convivenza civile.

Giuseppe Nuvolone, Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano, post 1630 – ante 1649, olio su tela, 55,5 x 70. Varese, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea

Indice

Descrizione dell’Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano di Giuseppe Nuvolone

Due figure femminili sono dipinte al centro dell’opera. Le giovani sono sedute vicine su un masso mentre un angelo aleggia in alto a sinistra. I busti delle donne sono nudi mentre ampi abiti coprono il resto del corpo. La giovane di destra poi avvicina le labbra alla guancia di quella di sinistra. Intanto le protagoniste si tengono per mano. In alto a destra inoltre vi sono alcune rovine classiche. L’ambiente esterno invece è buio e confonde il paesaggio nel quale si intravedono altre due figure a sinistra e a destra.

Interpretazioni e simbologia del dipinto Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano

Le due figure femminili sono allegorie della Giustizia e della Pace. Le giovani poi si tengono per mano e si baciano per indicare che entrambe sono necessarie per la serenità del popolo.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano è un dipinto conservato presso il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Varese.

La storia dell’opera Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano di Giuseppe Nuvolone

Giuseppe Nuvolone è indicato come l’autore di questo dipinto. L’artista potrebbe aver dipinto quest’opera intorno all’età di circa trent’anni. Giuseppe Nuvolone, inoltre faceva parte di una famiglia molto importante di pittori milanesi del Seicento.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano di Giuseppe Nuvolone

Il dipinto di Giuseppe Nuvolone è un’opera barocca. I personaggi, infatti assumono pose teatrali e la scena pare una rappresentazione teatrale.

La tecnica

Nuvolone dipinse l’allegoria con tecnica ad olio su una tela di 55,5 x 70 cm.

Il colore e l’illuminazione

Il colore del dipinto è molto scuro. Le tinte inoltre sono calde e alcune molto sature come l’abito rosso di destra. La luce infine colpisce solo alcune parti delle figure e le fa emergere dall’ombra del fondo.

Lo spazio

La scena è inserita in uno spazio esterno ma di difficile comprensione per via del colore scuro.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto è di forma rettangolare e verticale. Inoltre l’inquadratura è ampia e intorno alle due figure si trova molto spazio ambientale. La struttura compositiva si sviluppa obliquamente e sale verso l’angelo di sinistra.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Filippo Maria Ferro, I Nuvolone. Una famiglia di pittori nella Milano del `600, Soncino, Edizioni dei Soncino, 2003,

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 15 agosto 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Giuseppe Nuvolone intitolate:

  • Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giuseppe Nuvolone, Allegoria della Giustizia e della Pace che si baciano, sul sito del Beni culturali della Regione Lombardia.