Venere, Cupido e Invidia di Agnolo Bronzino

Venere, Cupido e Invidia di Agnolo Bronzino è un dipinto dal contenuto classico interpretato con una vena di erotismo trattenuto.

Agnolo Bronzino, Venere, Cupido e Invidia, 1548-1550, olio su tavola di pioppo, 192 x 142 cm. Budapest, Museo di Belle Arti

Indice

Descrizione del dipinto Venere, Cupido e Invidia di Agnolo Bronzino

Nel dipinto compaiono alcuni personaggi della mitologia greca.

Interpretazioni e simbologia dell’opera Venere, Cupido e Invidia

Testo in aggiornamento

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto intitolato Venere, Cupido e Invidia di Agnolo Bronzino è custodito presso il Museo di Belle Arti di Budapest in Ungheria.

La storia dell’opera Venere, Cupido e Invidia di Agnolo Bronzino

Venere, Cupido e Invidia è un dipinto del Bronzino che risale al 1548 – 1550. Agnolo Bronzino nacque nel 1503 quindi all’epoca della realizzazione di quest’opera si avvicinava ai 50 anni.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Venere, Cupido e Invidia di Agnolo Bronzino

Agnolo Bronzino nacque a Firenze nel 1503 e fu un protagonista del manierismo italiano. Fu attivo alla corte di Cosimo I de’ Medici prima Duca di Firenze e poi Granduca di Toscana. Agnolo Bronzino è considerato un artista raffinato molto vicino alla pittura del maestro Jacopo Pontormo. I suoi dipinti inoltre sono caratterizzati da atmosfere fredde e distaccate e le fisionomie sono ideali seppur con molti particolari realistici.

La tecnica

Il dipinto di ispirazione classica è un olio su tavola di 192 x 42 cm.

Il colore e l’illuminazione

Testo in aggiornamento

Lo spazio

I personaggi del mito occupano interamente il primo piano e anche la superficie del dipinto. Sono inseriti in uno spazio esterno individuabile dal terreno in basso coperto di erba sottile. Salendo a sinistra si intravedono due rametti che si stagliano controluce sul fondo più chiaro. In alto infine è visibile un brano di cielo scuro dietro le ali cupido.

La composizione e l’inquadratura

Testo in aggiornamento

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Antonio Paolucci, Bronzino. Ediz. illustrata, 2002, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, EAN: 9788809026421
  • C. Falciani, A. Natali, Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici. Catalogo della mostra (Firenze, 24 settembre 2010-23 gennaio 2011), 2010, EAN: 9788874611539
  • Antonio Geremicca, Agnolo Bronzino. «La dotta penna al pennel dotto pari», Universitalia, Collana: Horti Hesperidum. Monografie, 2013, EAN:9788865073407, ISBN:8865073403
  • Agnolo Bronzino: The Muse of Florence, New Academia Publishing, LLC, 2014 EAN:9780991504770, ISBN:0991504771
  • Sefy Hendler, Un mostro grazioso e bello. Bronzino e l’universo burlesco del Nano Morgante., Maschietto Editore, prima edizione edizione, 2016, Collana: Iconologia, ISBN-10: 8863941130 ISBN-13: 978-8863941135

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 29 novembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Agnolo Bronzino intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Agnolo Bronzino, Venere, Cupido e Invidia, sul sito del Museo di Belle Arti di Budapest.