Susanna e i Vecchioni di Jacopo Robusti detto Tintoretto

Susanna e i Vecchioni è un dipinto di Tintoretto esposto al Museo del Prado insieme ad altre cinque opere. I soggetti religiosi sono un pretesto per rappresentare scene esotiche e decorative.

Jacopo Robusti detto Tintoretto, Susanna e i Vecchioni, 1552 – 1555, olio su tela, 58 x 116 cm. Madrid, Museo del Prado

Descrizione. Susanna ricattata dai giudici lussuriosi

Susanna è nuda e adagiata nella parte sinistra del dipinto. Dietro di lei un vecchio abbigliato con una lunga veste elegante si sporge verso di lei. L’uomo posa la mano sinistra sopra i suoi seni mentre la giovane tenta una debole resistenza. Un altro anziano è in piedi di fronte alla ragazza e si inchina con la mano destra sul petto.

Interpretazioni e simbologia

Il contesto religioso di Susanna e i Vecchioni come anche di Mosè salvato dalle acque non è coerente con il soggetto. Infatti il tema è un pretesto per poter dipingere scene con particolari esotici e decorativi.

I Committenti e la storia espositiva

Fu Velázquez ad acquistare le opere per Enrico IV. La datazione risulta però incerta poiché non tutte le opere risultano avere la stessa qualità di esecuzione.

Lo stile del dipinto Susanna e i Vecchioni di Jacopo Robusti detto Tintoretto

Lo stile che contraddistingue le opere della serie è particolare e non si riscontra in tutta la produzione di Tintoretto. La cifra stilistica che unisce tutte le sei opere è quindi presente anche in Susanna e i Vecchioni. Tintoretto ha utilizzato uno stile caratterizzato da piccole pennellate calligrafiche per realizzare la trame della vegetazione e di alcuni particolari dell’abbigliamento. In generale la resa delle immagini è più decorativa che narrativa. Inoltre tutti i dipinti sembrano collegati dalle curve compositive che si trasferiscono da un quadro all’altro.

Approfondimenti

Il dipinto intitolato Susanna e i Vecchioni è un’opera esposta al museo del Prado insieme ad altre cinque. La serie non fu concepita in origine. Si tratta piuttosto di opere unite da una simile concezione stilistica rimasta  unica in tutta l’opera di Tintoretto. Si tratta di Mosè salvato dalle acque, Ester e Assuero, Giuditta e Oloferne, Salomone e la regina di Saba e Giuseppe e la moglie di Putifarre. Invece La purificazione del bottino delle Vergini medianite è un dipinto di forma ovale.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Jacopo Robusti detto Tintoretto, Susanna e i Vecchioni, sul sito del Museo del Prado di Madrid.