Stendardo di Ur

Lo Stendardo di Ur fu ritrovato in Irak all’interno di una tomba durante gli scavi del 1927-1928 ed è ora al British Museum di Londra.

Stendardo di Ur, 2900-2450 a.C., conchiglie, lapislazzuli, calcare e bitume su legno, 20,3 x 48 cm. Londra, British Museum

Indice

Descrizione dello Stendardo di Ur

I due pannelli di forma rettangolare creano i lati lunghi della struttura. Gli studiosi analizzando le due rappresentazioni li hanno intitolati il Pannello della guerra e il Pannello della pace.

Il pannello della guerra dello dello Stendardo di Ur

Nel pannello della guerra il re si trova nel registro superiore. Intorno a lui è schierato l’esercito accompagnato da alcuni schiavi.

Lo Stendardo di Ur, Pannello della guerra
Lo Stendardo di Ur, Pannello della guerra

Il pannello della pace

Su questa facciata è rappresentato un banchetto al cospetto del re nel registro superiore. Nel registro inferiore invece si svolge una processione con animali, artigiani, contadini, e commercianti.

Lo Stendardo di Ur, Pannello della pace
Lo Stendardo di Ur, Pannello della pace

Interpretazioni e simbologia dello Stendardo di Ur

La funzione dello stendardo era religiosa. Si tratta infatti probabilmente di un oggetto devozionale. Poteva essere portato in processione o collocato in un tempio come oggetto votivo.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Lo Stendardo di Ur si trova a Londra ed è esposto presso il British Museum.

La storia dell’opera Stendardo di Ur

Lo stendardo fu ritrovato all’interno tomba della necropoli reale di Ur in Irak durante gli scavi del 1927-1928. Il manufatto risale a circa al 2500 a.C.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile dello Stendardo di Ur

Questo oggetto devozionale appartiene alla civiltà sumera.

La tecnica

Il supporto delle decorazioni sono le tavolette in legno. La loro superficie è ricoperta da uno strato di catrame nel quale sono affondate le decorazioni. Le figure sono quindi realizzate con lapislazzuli che creano colori di fondo. Invece le conchiglie, le pietre di calcare rosso e madreperle bianche contribuiscono a creare le figure.

La luce sulla scultura

La superficie coperta da bitume rende le figure chiare molto brillanti ed evidenti.

Rapporto con lo spazio

Lo stendardo è una struttura tridimensionale di piccole dimensioni. Fu progettata per essere poggiata sulla base quindi sono visibili i cinque lati rimanenti. Di questi però sono decorati con figure quelli rettangolari collocati frontalmente e posteriormente. La lettura delle scene parte dall’alto.

La struttura

Lo Stendardo di Ur ha una forma tridimensionale ed è composto da quattro pannelli di legno decorati. I due pannelli principali sono di forma rettangolare. I due più piccoli laterali hanno invece forma trapezoidale. I personaggi nei due pannelli principali sono disposti su tre registri verticali sovrapposti.

Articolo correlato

Allegoria del Buon Governo di Ambrogio Lorenzetti

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Paolo Brusasco, La Mesopotamia prima dell’Islam. Società e cultura tra Mesopotamia, Islam e Occidente, Mondadori Bruno, Collana: Sintesi, 2008 EAN: 9788861592131

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 4 marzo 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di arte mesopotamica intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Stendardo di Ur, sul sito del British Museum di Londra.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera