Stele degli avvoltoi

La Stele degli avvoltoi è un documento storico celebrativo illustrato con figure scolpito nella pietra ed è il più antico scoperto fin’ora.

Stele degli avvoltoi, protodinastico III (2460 a.C. circa) a.C., pietra calcarea, 180 cm x 130 cm x 11 cm. Parigi, Museo del Louvre

Indice

Descrizione della Stele degli avvoltoi

La Stele è decorata con scene di battaglie e scene religiose distribuite su vari registri sovrapposti. Inoltre le decorazioni erano presenti sui due lati. Un lato è definito il lato storico mentre l’altro prende il nome di lato mitologico.

Interpretazioni e simbologia della Stele degli avvoltoi

Le immagini presenti sulla stele celebrano il re Eannatum della città-stato di Lagash vittorioso contro la citta-stato di Umma. Il nome del manufatto deriva dalle figure degli avvoltoi presenti nella parte superiore.

Si tratta del primo documento in pietra di questo tipo che celebra il ruolo storico e la vittoria in battaglia di un sovrano. Verso la metà e la fine del terzo millennio a.C. in Mesopotamia era tradizione celebrare le vittorie dei sovrani realizzando scene storiche e mitologiche su monumenti in pietra.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

I frammenti ricomposti sono conservati presso il Dipartimento delle Antichità Orientali del museo del Louvre.

La storia dell’opera Stele degli avvoltoi

Ad oggi sono noti sette frammenti della Stele. L’archeologo francese Ernest de Sarzec trovò i primi tre frammenti scavando a Telloh nel sud dell’Iraq nel 1881. In seguito, nel 1884, Léon Heuzey li studiò decifrandoli. Altri tre frammenti emersero poi durante la campagna di scavi condotta dal 1888 al 1889. Il British Museum acquistò infine nel 1898 un settimo frammento comparso nel mercato delle antichità. Il Museo del Louvre richiese più volte il reperto che venne ceduto solo il 29 dicembre del 1932.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile della Stele degli avvoltoi

La stele è un manufatto realizzato durante il periodo protodinastico. Le immagini scolpite inoltre presentano una concezione compositiva paratattica. Infatti i diversi personaggi sono rappresentati sullo stesso piano e accostati. Inoltre le figure non si muovono all’interno di uno spazio definito.

La tecnica

Il manufatto sumero fu scolpito in un blocco di pietra calcarea. In origine misurava 180 cm x 130 cm x 11 cm.

La luce sulla scultura

Le figure scolpite sono poco rilevate quindi la loro identificazione è favorita da una luce radente.

Rapporto con lo spazio

La lettura della stele in origine avveniva su i due lati.

La struttura

La stele è scolpita su entrambe i lati mentre la parte superiore è arrotondata. Gli archeologi hanno ipotizzato che la sua forma fosse sviluppata in verticale.

Stele degli avvoltoi, Ricostruzione
Stele degli avvoltoi, Ricostruzione

Articolo correlato

La statua di Ramses II

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Paolo Brusasco, La Mesopotamia prima dell’Islam. Società e cultura tra Mesopotamia, Islam e Occidente, Mondadori Bruno, Collana: Sintesi, 2008 EAN: 9788861592131

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 5 marzo 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di arte mesopotamica intitolate:

Consulta la pagina dedicata alla scultura Stele degli avvoltoi, sul sito del Museo del Louvre Parigi.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera