Santa Cristina in carcere di Paolo Veronese

Santa Cristina in carcere di Paolo Veronese è un dipinto che fa parte del ciclo pittorico dedicato alla vita della Santa.

Paolo Caliari detto il Veronese, Santa Cristina in carcere, 1580-1588, olio su tela, 162 x 182 cm. Venezia, Museo del Torcello

Indice

Descrizione di Santa Cristina in carcere di Paolo Veronese

Santa Cristina di Bolsena fu una di Santa Cristiana considerata di grande importanza. La Chiesa commemora Santa Cristina il 24 luglio come già facevano la Chiesa di Roma e le Chiese cristiane orientali. Il martirio di Santa Cristina è narrato in versioni diverse ma il testo più antico risale al V secolo ed è scritto in un papiro che proviene da Oxyrhynchos, in Egitto.

La vita e il martirio di Santa Cristina

Il domenicano Jacopo da Varagine (1228-1298) scrisse di Santa Cristina nel suo testo intitolato “Legenda Aurea“. Cristina era figlia di una nobile famiglia di Tiro, un luogo distrutto edificato nei dintorni del lago di Bolsena. La giovane era molto bella e attirava diversi pretendenti. La sua famiglia però la destinò al culto degli dei e Cristina venne rinchiusa in una torre con dodici ancelle circondata da statue di divinità d’oro e d’argento. Cristina era però di fede cristiana e si rifiutò di onorare gli dei. In assenza del padre, frantumò gli idoli e regalò il metallo prezioso ai poveri. Il padre al suo ritorno la fece picchiare dai servi e la rinchiuse in prigione.

La madre cercò di convincere Cristina a lasciare la sua fede ma fu inutile. Il padre condannò così la figlia a torture tremende. Ordinò agli aguzzini di straziare le carni della giovane con unghie di ferro. I torturatori legarono Cristina su una ruota infuocata e la gettarono in mare con una pietra al collo. Ogni azione fu però inutile. Così immersero Cristina in un calderone bollente pieno d’olio, resina e pece, le gettarono addosso serpenti, le tagliarono i seni e le strapparono la lingua. Infine furono due frecce al cuore e una nel fianco a ucciderla nell’anno 297, sotto il regno di Diocleziano. Il corpo di Santa Cristina è, per tradizione, conservato nella città di Bolsena tra Civitavecchia e Viterbo.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto del Veronese in origine si trovava nella Chiesa di S. Antonio. Ora è conservata nel Museo del Torcello.

Santa Cristina in carcere fa parte del Ciclo con le Storie di Santa Cristina. Le altre opere sono:

  • Flagellazione di Santa Cristina conservata al Museo Provinciale del Torcello
  • Santa Cristina istigata ad adorare gli idoli conservata al Museo Provinciale del Torcello
  • Santa Cristina medicata in carcere dagli angeli conservata al Museo Provinciale del Torcello
  • Santa Cristina affogata nel lago di Bolsena conservata al Museo Provinciale del Torcello
  • Santa Cristina accusata come cristiana che si trova presso la Stadtgalerie di Stuttgard
  • Santa Cristina condannata alla ruota presso la Stadtgalerie di Stuttgard
  • Apparizione di un angelo a Santa Cristina conservata presso la Pinacoteca di Brera di Milano
  • Battesimo di Santa Cristina conservata presso la Pinacoteca di Brera di Milano.

L’artista e la società. La storia dell’opera Santa Cristina in carcere di Paolo Veronese

Santa Cristina in carcere del Veronese risale a circa gli anni tra il 1580 e il 1588.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Santa Cristina in carcere di Paolo Caliari detto il Veronese

Paolo Veronese dipinse grandi cicli affrescati dallo stile drammatico e animato di ricchi particolari. I suoi dipinti inoltre sono caratterizzati da colori brillanti e le sue figure eleganti e aristocratiche.

Le prime opere di Paolo Veronese sono considerate un esempio di Manierismo. Col tempo e sotto l’influenza di Tiziano le scene diventarono più naturalistiche.

Articolo correlato

Il Martirio di Santa Margherita del Cavalier d’Arpino

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Veronese. La pittura profana, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2005; 2006, EAN: 9788809040885

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 13 febbraio 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Paolo Caliari detto il Veronese intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Paolo Caliari detto il Veronese

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Paolo Caliari detto il Veronese, Santa Cristina in carcere, sul sito del Museo del Torcello di Venezia e sul sito del Ministero italiano per i Beni e le attività Culturali.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera