San Pietro e donatore di Gaudenzio Ferrari

San Pietro e donatore di Gaudenzio Ferrari è una tavola che fa parte di un polittico disperso in vari musei del mondo.

Gaudenzio Ferrari, San Pietro e donatore, 1515-1520, olio su tavola, 70 x 160 cm. Torino, Galleria Sabauda

Indice

Descrizione del San Pietro e donatore di Gaudenzio Ferrari

San Pietro è raffigurato mentre con la mano sinistra abbraccia il donatore inginocchiato di fronte a lui.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2022-2023

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

L’opera di Gaudenzio Ferrari era lo scomparto laterale di un polittico realizzato negli anni giovanili dell’artista.

Il Polittico di Gaudenzio Ferrari al quale appartengono quindi i due scomparti affiancati fu realizzato probabilmente per la cattedrale di Sant’Eusebio di Vercelli. Il Polittico è ora disperso i vari musei tra i quali la pinacoteca di Brera, il Palazzo Madama di Torino e la Gemäldegalerie di Berlino.

Secondo gli storici in questi due dipinti si colgono delle influenze provenienti dal Bramantino e dalla scuola di Pietro Perugino. Gaudenzio Ferrari intorno al 1515 – 1520 era impegnato nei territori della Valsesia, del vercellese e del novarese.

Analisi

Gaudenzio Ferrari nella sua vita di artista seppe cogliere influenze da molteplici maestri. Nacque a Valduggia in una data imprecisata tra il 1475 e 1480. La sua formazione avvenne già partire da Varallo, presso la chiesa di Santa Maria delle Grazie e il Sacro Monte. Qui Ferrari studiò le opere di alcuni artisti della scuola dello Spanzotti. Compì anche un viaggio di formazione a Roma dove conobbe le opere di Pietro Perugino e Raffaello. A Milano invece entrò in contatto con alcuni maestri del Quattrocento quali Leonardo Da Vinci, Donato bramante, Vincenzo Foppa e Bernardino Zenale. Ebbe modo di conoscere anche il lavoro dei nordici della scuola danubiana e di Albrecht Dürer attraverso le loro incisioni.

Il Polittico della Galleria Sabauda si trova attualmente al piano terra. Le altre tavole sono esposte presso diversi musei.

  • Santa Caterina di Alessandria e Santa Apollonia, olio su tavola, 88,5 x 61,3 cm, 1530 circa, Museo Civico d’Arte Antica, Torino
  • Santa Cecilia e donatore, Santa Margherita, due tavole, rispettivamente 121 x 52 and 120 x 49 cm. Museo Puškin delle belle arti, Mosca;

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Edoardo Villata, Simone Baiocco, Gaudenzio Ferrari, Gerolamo Giovenone: un avvio e un percorso, Allemandi, Torino, 2004.
  • Simone Baiocco, Paola Manchinu, Arte in Piemonte, il Rinascimento, Priuli Verlucca Editori, Ivrea, 2004.
  • Rossana Sacchi, Gaudenzio a Milano, Officina Libraria, Milano, 2015
  • Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari, catalogo della mostra (Varallo, Vercelli, Novara), a cura di G. Agosti, J. Stoppa, Officina Libraria, Milano, 2018

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 27 dicembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Gaudenzio Ferrari intitolate:

  • Madonna con il bambino tra i santi Bobone ed Eligio
  • Polittico di Sant’Anna
  • San Giovanni Battista, San Pietro e donatore
  • Compianto sul Cristo morto

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Gaudenzio Ferrari, San Giovanni Battista, San Pietro e donatore, sul sito della Galleria Sabauda di Torino.