San Michele che sconfigge il drago di Emmanuel Fremiet

San Michele che sconfigge il drago di Emmanuel Fremiet è l’opera commissionata all’artista per coronare la guglia dell’abbazia di Mont-Saint-Michel, nel nord della Francia.

Scheda in preparazione. Richiedi l’Analisi di quest’opera con una e-mail a: redazione@analisidellopera.it

Emmanuel Fremiet, San Michele che sconfigge il drago, Circa 1897, gruppo scultoreo in rame, 617 x 260 x 120 cm. Parigi, museé d’Orsay

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Articolo correlato

San Giorgio e il drago di Raffaello

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Testo in preparazione

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 1 settembre 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Emmanuel Fremiet intitolate:

  • San Michele che sconfigge il drago

Leggi La vita e tutte le opere di Emmanuel Fremiet

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Emmanuel Fremiet, San Michele che sconfigge il drago, sul sito del museé d’Orsay di Parigi.

Chiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure la biografia dell’artista? Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it gli aggiornamenti saranno pubblicati esclusivamente sul sito. Non inviamo materiali tramite e-mail.

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.

2 risposte a “San Michele che sconfigge il drago di Emmanuel Fremiet”

I commenti sono chiusi.