Sacco rosso di Alberto Burri

Sacco rosso di Alberto Burri integra frammenti di tela di colore bruno tagliata da contenitori usati e campiture di tela colorata in rosso.

Alberto Burri, Sacco rosso (Sacking and Red), 1954, colori acrilici e iuta su tela, 89,3 × 103× 3,1 cm. Londra, Tate Modern

Indice

Descrizione del dipinto Sacco rosso di Alberto Burri

La superficie dell’opera è composta da frammenti di tela di sacco integrati da parti di colore rosso.

Interpretazioni e simbologia dell’opera Sacco rosso di Alberto Burri

Inizialmente alcuni critici indicarono queste opere come tristi ricordi del secondo periodo post bellico. Infatti su alcuni sacchi compaiono scritte in lingua inglese. Questo fa pensare che si trattase di contenitori di merci fornite dagli alleati in soccorso al popolo italiano. Inoltre il colore rosso si riteneva che facesse riferimento al sangue poichè Burri era un medico.

In realtà Burri chiarì che le sue ricerche miravano a creare opere libere e prive di riferimenti storici o sociali. L’opera è quindi apprezzabile come studio compositivo di materiali assemblati e di diverse superfici.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’opera intitolata Sacco Rosso di Burri si trova alla Tate Modern di Londra. La Marlborough Fine Art (Grant-in-Aid) donò l’opera nel 1965 alla Tate.

La storia dell’opera Sacco rosso di Alberto Burri

Alberto Burri nacque nel 1915 a Città di Castello in provincia di Perugia e morì nel 1995. Sacco rosso risale al 1954 e fu realizzato dall’artista all’età di 39 anni. Burri era ormai un artista affermato infatti nel 1953 espose le sue opere a Chicago e a New York ottenendo un grande successo internazionale.

Negli anni Cinquanta del Novecento l’artista si dedicò alla sperimentazione con i sacchi di iuta. Nel 1954 infatti Alberto Burri dipinse altre opere utilizzando sacchi integrati con ampie zone di colore rosso. Il dipinto è firmato sul retro della tela con la scritta “Burri 54”.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Sacco rosso di Alberto Burri

Testo in preparazione

La tecnica

Testo in preparazione

Il colore e l’illuminazione

Testo in preparazione

Lo spazio

Testo in preparazione

La composizione e l’inquadratura

L’artista compose la sua opera nell’intento di organizzare una composizione attraverso i pezzi di sacco applicati nel campo rosso.

Articolo correlato

Viaggio in Italia: Sicilia di Emilio Vedova

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Giuliano Serafini, Burri, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 1998; EAN: 9788809761582
  • Giuliano Serafini, Burri, Giunti Editore, Collana: Cataloghi arte, 2015, EAN: 9788809815100

Scheda in aggiornamento. Torna fra qualche giorno e troverai ulteriori approfondimenti!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 17 aprile 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Alberto Burri intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Alberto Burri, Sacco rosso, sul sito della Tate Modern di Londra.

Chiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure la biografia dell’artista? Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it gli aggiornamenti saranno pubblicati esclusivamente sul sito. Non inviamo materiali tramite e-mail.

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.