Jacque-Louis David, Sabine che arrestano il combattimento tra Romani e Sabini

Sabine che arrestano il combattimento tra Romani e Sabini, un evento della storia romana dipinto da David per celebrare il nascente Impero di Napoleone

Jacque-Louis David, Sabine che arrestano il combattimento tra Romani e Sabini, 1799, olio su tela, cm 385 x 522. Parigi, Museo del Louvre

descrizione del dipinto Sabine che arrestano il combattimento tra Romani e SabiniJacque-Louis David tenta una operazione di pacificazione sociale

La scena, è particolarmente solenne e fa riferimento ad una emergenza sociale. Jacque-Louis David, dopo dieci anni dallo scoppio della Rivoluzione, tenta di pacificare la società francese e creare un senso di armonia. Il tema del dipinto è, infatti, il ratto ”Ratto delle Sabine” da parte dei romani. Tempo dopo il fatto i Sabini, tentano, quindi, di riprendere le loro donne. Il violento combattimento tra Romani e Sabini occupa, così, il centro del dipinto.

I soldati delle entrambe fazioni si confrontano capitanati dai loro ufficiale. A sinistra, infatti, si trova un ufficiale sabino, nudo e rivolto verso l’osservatore. Il soldato è armato di spada. A destra, invece, il soldato romano, in atteggiamento fiero, è protetto da uno scudo tondo. Sullo scudo è evidente lo stemma di Roma, la lupa capitolina. In centro, una sabina cerca di dividere e trattenere i due contendenti. Con lei si trovano, inoltre, altre donne e bambini. Sullo sfondo sono schierati i due eserciti. In alto, a sinistra ferve la battaglia sui bastioni.

Il combattimento tra romani e sabini dipinto con colori accesi e luminosi

In alto, nel cielo si nota una sfumatura di un azzurro celeste e un violetto accesso. A sinistra, invece, il bastione è di un rosa mattone saturo e illuminato dal giallo del sole. La donna sabina che tiene in alto un bambino è vestita è di un giallo-arancio luminoso con un velo bianco. Gli abiti come alcuni mantelli sono di un rosso magenta. L’ufficiale sabino tiene in mano la spada dal colore metallico. La sabina che sta proteggendo la figlia indossa un mantello color blu intenso e un abito rosso. A destra il giallo oro è riservato allo scudo di un romano. Infine, il cavallo imbizzarrito è di color bruno con del nero sulla zampa destra. Si intravede un cavallo bianco che mette in risalto l’ufficiale romano.

Una luce intensa e calda illumina il combattimento tra romani e sabini

L’opera è molto luminosa ed è illuminata da sinistra. Infatti, la luce inonda la scena della battaglia, tranne una piccola porzione in basso a destra. Questa porzione del dipinto è in ombra coperta dal corpo del romano che retrocede . Tutti i personaggi sono, quindi, illuminati dalla luce diretta del sole che crea ombre profonde.

Stile. Le sculture antiche sono il modello per i nudi maschili e femminili

Sabine che arrestano il combattimento tra Romani e Sabini è un dipinto neoclassico. I corpi sono raffigurati nudi e in pose eroiche che richiamano la statuaria greco-romana. I dettagli delle armature e delle vesti furono ispirate dalle scoperte della nascente archeologia. Tutti i dipinti di Jacque-Louis David celebrano i momenti salienti della rivoluzione con la citazione dei classici. Celebre il ritratto di Napoleone al valico del Gran San Bernardo.

Uno spazio teatrale con una profondità scenica

Lo spazio occupato dai personaggi in primo piano è limitato a pochi metri di profondità. Questo spazio viene creato attraverso una sapiente sovrapposizione dei corpi. Gli eserciti che si scontrano in secondo piano e il paesaggio sembrano dipinti su di un fondale. La prospettiva aerea crea un paesaggio di sfondo annebbiato e di tono freddo. Anche i contrasti luminosi, tra luce e ombra, sono attenuati sul fondo. Questo tecnica lo appiattisce trasformandolo in un fondale neutro contro il quale spiccano le figure.

La composizione del combattimento tra romani e sabini di David è fortemente teatrale

La composizione del dipinto è orizzontale e molto scenica. Al centro vi sono le donne, simbolo della contesa. La croce creata dalla sabina che separa i contendenti crea un importante asse che regge la composizione. Il primo piano  è occupato dal combattimento tra romani e sabini. La metà superiore dal paesaggio invece, con la fortezza, in alto a sinistra. I gruppi di figure creano una dinamica molto movimentata. Le direttrici ottiche si proiettano in ogni direzione, seppur ruotando al centro.

Consulta la pagina dedicata al dipinto Sabine che arrestano il combattimento tra Romani e Sabini di Jacque-Louis David, sul sito del Museo del Louvre di Parigi.