Ritratto di Hena Rigotti di Felice Casorati

Il Ritratto di Hena Rigotti è un’opera importante di Felice Casorati. Fa parte di un numero considerevole di ritratti che resero famoso il maestro negli anni precedenti la seconda guerra mondiale.

Felice Casorati, Ritratto di Hena Rigotti, 1924, tempera su tavola, cm 60 x 77. Torino, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione

Hena Rigotti appare serena e assorta nei suoi pensieri. La sua figura ritratta da Felice Casorati è posizionata sulla parte destra della tavola. Nella parte sinistra invece alcuni frutti raccolti all’interno di una ciotola sulla tovaglia bilanciano il peso della protagonista.

I Committenti e la storia espositiva

Il Ritratto di Hena Rigotti fu esposto nella sala dedicata al maestro presso la XIV Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia del 1924. La presentazione fu scritta dal critico Lionello Venturi. L’opera di Felice Casorati fu donata poi da Elena Rigotti alla Galleria d’Arte Moderna di Torino nel 1984.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Ritratto di Hena Rigotti di Felice Casorati

Gli storici considerano l’opera di Casorati intitolata Ritratto di Hena Rigotti un capolavoro del maestro. Infatti fu dipinto intorno alla metà degli anni Venti del Novecento e rappresenta un grande esempio di rigore compositivo. Le forme sono descritte con un segno estremamente sicuro. Inoltre le superfici sono pur nella loro semplificazione precise e nitide. Il ritratto di Hena Rigotti viene accostato per qualità a quelli di Riccardo Gualino e di Alfredo Casella custoditi presso una collezione privata di Firenze. Stilisticamente infine si possono individuare dei richiami alla ritrattistica fiamminga e italiana.

Il colore e l’illuminazione

I colori sono bilanciati e tendenzialmente caldi. Lo sfondo è grigio scuro e bruno mentre il primo piano è caldo e luminoso. I frutti sono saturi e lucidi. La struttura cromatica è articolata su contrasti di luminosità. L’abito di Hena Rigotti è nero, quasi una campitura monocromatica contro la quale spiccano le parti scoperte. Il busto, poi, è posto in risalto grazie al contrasto con la tovaglia bianca.

Approfondisci con le altre opere di Felice Casorati intitolate: La donna e l’armatura, Daphne a Pavarolo e L’uomo delle botti.

Lo spazio

Hena Rigotti è ritratta in primo piano di fronte al tavolo del quale si intuisce il piano coperto da una tovaglia non stesa. La profondità dello sfondo è suggerita dal colore più scuro e tendente al grigio. Lo spazio è quindi creato attraverso l’uso effetti di colore e luminosità.

La Composizione e l’inquadratura

La protagonista è rappresentata di tre quarti con il busto orientato verso sinistra. La parte in basso è occupata dal tavolo per un terzo dall’altezza del dipinto. Il resto è dedicato  poi alla descrizione dello sfondo. Su queste due fasce orizzontali infine domina la figura statuaria e triangolare di Hena Rigotti.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Felice Casorati, Ritratto di Hena Rigotti, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Torino.