Pugilatore in riposo alle corde di Francesco Messina

Pugilatore in riposo alle corde di Francesco Messina celebra il prototipo di giovane italiano atletico e vincente rappresentativo del ventennio fascista.

Francesco Messina, Pugilatore in riposo alle corde, 1932, bronzo, cm 61,5 x 25,3 x 37. Genova, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione del Pugilatore in riposo alle corde di Francesco Messina

La statuetta di Francesco Messina raffigura un pugilatore in piedi con le mani protese in avanti come appoggiate sulle corde del ring. L’atleta è nudo e volge il capo leggermente verso la sua sinistra. Il volto è quello di un uomo giovane e determinato. I capelli sono corti ma riuniti da ciocche sopra il capo.

Interpretazioni e simbologia del Pugilatore in riposo alle corde di Francesco Messina

Francesca Messina aderì al ritorno all’ordine dell’arte italiana durante gli anni trenta del Novecento. Questa statuetta celebra infatti la prestanza fisica dell’atleta italiano e imita le forme della scultura classica molto amata nell’epoca fascista in italia.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

La scultura di Francesco Messina si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Genova. Venne acquistata alla diciottesima esposizione Biennale Nazionale d’Arte di Venezia del 1932. Presso la GAM di Genova l’opera è inserita nella raccolta di Monumenti celebrativi e sculture nella sezione di modelli e bozzetti.

La storia della scultura Pugilatore in riposo alle corde di Francesco Messina

Francesco Messina realizzò la statuetta che riproduce il pugilatore a riposo nel 1932 all’età di 32 anni essendo nato il 15 dicembre 1900 a Linguaglossa.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Pugilatore in riposo alle corde di Francesco Messina

Il Pugilatore in riposo alle corde ricalca i canoni della statuaria classica. Infatti il corpo è modellato con precisione e attenzione alle proporzioni.

La tecnica

Pugilatore in riposo è una fusione in bronzo di 61,5 x 25,3 x 37 cm.

La luce sulla scultura

La superficie della statua è molto scura e lucida quindi la luce ambientale crea intensi riflessi che mettono in evidenza i volumi muscolari.

Rapporto con lo spazio

L’opera di Francesco Messina è un tutto tondo di medie dimensioni. È quindi possibile apprezzare la fattura della scultura in ogni sua parte. Inoltre le mani protratte in avanti si aprono verso lo spazio come lo sguardo dell’atleta rivolto lontano. Si può quindi dire che la figura scolpita da Messina si espande e si integra con lo spazio circostante.

La struttura

La figura del pugilatore in piedi crea una colonna compositiva nella quale si inserisce la verticalità delle mani protratte in avanti. I piedi infine poggiano su una base quadrata di qualche centimetro di spessore.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Francesco Messina, sculture disegni e poesie 1916-1993 – mostra a Genova 24 novembre 2002-19 gennaio 2003, Mazzotta, 2002, EAN:9788820215958

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 17 novembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Francesco Messina intitolate:

  • Pugilatore in riposo alle corde

Consulta la pagina dedicata alla scultura di Francesco Messina, Pugilatore in riposo alle corde, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Genova.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.