Gesù nella casa dei genitori di John Everett Millais

La Sacra Famiglia si trova a Nazaret dove Giuseppe lavora come falegname. Il dipinto di John Everett Millais, Gesù nella casa dei genitori, interpretò con scandaloso realismo l’episodio biblico.

John Everett Millais, Gesù nella casa dei genitori (Christ in the House of His Parents (‘The Carpenter’s Shop’)), 1849–50, olio su tela, 86,4 x 139,7 cm. Londra, Tate Britain

Descrizione. Gesù Bambino si ferisce ad una mano e anticipa il suo sacrificio per l’umanità

La Sacra Famiglia si trova a Nazaret dove San Giuseppe esercita la sua professione di falegname. Gesù Bambino si è appena ferito nel palmo di una mano e alcune gocce si sangue si posano sul dorso del piede. In sua aiuto accorre San Giovanni che porta una ciotola con dell’acqua. Maria intanto inginocchiata a sinistra del Bambino lo consola mentre Sant’Anna afferra delle tenaglie per estrarre il chiodo che ha inferto la ferita. Anche San Giuseppe cerca di aiutare Gesù. L’uomo ha un aspetto vigoroso e le mani molto segnate dal lavoro fisico. A sinistra si trova anche un garzone di bottega intento a controllare le tavole posate sul banco di lavoro.

Interpretazioni e simbologia

Il sangue che fuoriesce dalla ferita sul palmo di Gesù Bambino ricorda la sua crocifissione. La squadra invece che è appesa alla parete fa riferimento alla Trinità. Il piccolo Giovanni che soccorre Gesù con dell’acqua è un chiaro riferimento al battesimo che compirà in futuro nei confronti di Cristo. Questa lettura è supportata dalla colomba appollaiata sulla scala che rappresenta lo Spirito Santo. Oltre la porta si intravede infine un gregge di pecore. É un riferimento al futuro gregge di fedeli.

I Committenti e la storia espositiva

Il dipinto intitolato Gesù nella casa dei genitori fu la prima opera importante a sfondo religioso di John Everett Millais. Nel 1850 fu esposto per la prima volta alla Royal Academy accompagnata da un passo della Bibbia. Il dipinto fu accolto in modo negativo da pubblico e critica offesi dalla volgarizzazione dell’evento sacro. Uno dei più duri critici fu Charles Dickens.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Le ragazze e i ragazzi di ADO vi chiedono di stare a casa #iorestoacasa

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Gesù nella casa dei genitori di John Everett Millais

Una delle cifre stilistiche degli artisti Preraffaelliti era quella di riprodurre il vero. John Everett Millais si spinse quindi a studiare e riprodurre nei minimi dettagli una falegnameria esistente in Oxford Street. L’artista volle rappresentare anche le pecore in modo corretto e si procurò due teste macellate da copiare. La sua interpretazione fu estremamente realistica. Infatti il volto di San Giuseppe è un ritratto di suo padre, le braccia e le mani sono poi quelle di un vero falegname. Maria fu ispirata da sua cognata Mary Hodgkinson. Giovanni Battista poi un cugino adottivo, Edwin Everett. Il figlio di un amico, Nöel Humphreys, interpretò invece Gesù adolescente.

Approfondimenti

Anche Dante Gabriel Rossetti affrontò il tema religioso con il dipinto Ecce Ancilla Domini che interpreta l’episodio dell’Annunciazione.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di John Everett Millais, Gesù nella casa dei genitori (Christ in the House of His Parents (‘The Carpenter’s Shop’)), sul sito della Tate Britain di Londra.