Meriggio (Pini di Liguria) di Gaetano Previati

Meriggio (Pini di Liguria) e un dipinto di modeste dimensioni realizzato da Gaetano Previati durante la sua residenza in Liguria.

Gaetano Previati, Meriggio (Pini di Liguria), 1908, olio su tela, 88 x 74 x 5 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione

Nel dipinto intitolato Meriggio di Gaetano Previati due bambini giocano con una capretta su un prato. Si trovano sulla sommità di una collinetta sulla quale crescono alcuni esili pini marittimi. I piccoli, inoltre, sono vestiti con abiti bianchi. Il cielo è blu e dal basso salgono alcune leggere nuvole chiare.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni e la storia espositiva

Guido Sironi donò Meriggio di Gaetano Previati tramite legato nel 1935.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Stile del dipinto Meriggio (Pini di Liguria) di Gaetano Previati

Gaetano Previati fu un esponente del Divisionismo italiano ufficializzato durante la prima Triennale di Milano del 1891. Vittore Grubicy de Dragon fu il critico e gallerista che supportò il progetto divisionista. Presso la sua galleria di Milano esposero Segantini, Morbelli, Longoni e altri artisti. Gaetano Previati da Ferrara si spostò a Milano per frequentare l’Accademia di Brera. Iniziò la sua carriera dipingendo opere di carattere storico. Si unì, poi, alla Scapigliatura. Passò, quindi, a sperimentare la divisione dei colori sulla tela che lo portò ad Divisionismo e al Simbolismo. Fu l’unico teorico del Divisionismo e pubblicò due testi La tecnica della pittura del 1905 e I principi scientifici del Divisionismo del 1906.

La tecnica

Meriggio fu dipinto con la tecnica di separazione dei toni e attraverso sottili filamenti di colore. Tale tecnica permette di ottenere superfici brillanti a differenza dei colori ottenuti per impasto. Inoltre, a differenza di altri divisionisti come Segantini, Pellizza da Volpedo o Morbelli, le sue figure non sono disegnate. Piuttosto, si confondono con l’ambiente e si dissolvono nel pulviscolo cromatico.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto intitolato Meriggio di Previati cromaticamente presenta toni caldi. Infatti, anche le nuvole sono dipinte con toni color arancio che si riflettono nel paesaggio. In basso prevale il tono caldo della vegetazione. I contrasti di luminosità sono particolarmente deboli e prevale la resa atmosferica.

Approfondisci con le altre opere di Gaetano Previati intitolate: Caravelle pisane.

Lo spazio

Meriggio di Gaetano Previati è ambientato su un’altura e la scena è risolta nello spazio del gruppo di alberi.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto di Previati è di forma rettangolare. L’inquadratura, poi, è verticale e valorizza il gruppo di pini che si stagliano contro il cielo e occupano la parte centrale. Infine, la costruzione compositiva si basa su linee curve. Si riscontrano, infatti, nel profilo della collina, nella disposizione dei personaggi in basso e nell’andamento di tronchi e rami.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Gaetano Previati, Meriggio (Pini di Liguria), sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.