Campagna (Mucrone) di Lorenzo Delleani

Dopo l’esperienza di pittura storica Lorenzo Delleani si dedicò al paesaggio. Il maestro dipinse un centinaio di piccole tavolette tra le quali Campagna (Mucrone).

Lorenzo Delleani, Campagna (Mucrone), 1882, olio su tavola, cm 37,2×25,8. Torino, Galleria Civica d’Arte Moderna

Descrizione. La salita alla vetta del monte Mucrone

Il soggetto del dipinto intitolato Campagna è in realtà la cima del monte Mucrone che si trova nel territorio di Biella, in Piemonte. In primo piano la linea curva del prato declina verso sinistra. Verso l’alto poi iniziano a formarsi le linee di rilievi più accentuati. In alto infine si scorge la cima del monte Mucrone. Il cielo è ingombro di nubi bianche a strati, tipiche dell’alta montagna. La vegetazione cambia nel paesaggio verso l’alto. Nel prato in primo piano l’erba è fitta e bassa ma ancora punteggiata da piantine e fiori autunnali. Salendo quindi il verde si fa più ridotto e la vegetazione poco rilevata per far fronte ai gelidi venti della montagna. Infine sulle pendici del monte il poco verde si aggrappa alla roccia verticale della cima.

I Committenti e la storia espositiva

In seguito alla produzione di grandi tele dai soggetti storici esposti ai Salon ufficiali, Delleani iniziò a dipingere piccoli paesaggi. A partire dagli anni Ottanta dell’Ottocento infatti il maestro si dedicò ai formati piccoli di 37×25 o 45×31 cm. Questi dipinti gli diedero parecchia fama e sono una delle sue cifre stilistiche più note. Tra circa cento dipinti realizzati con tale formato si trovano alla Gam di Torino La pittrice, Le Allieve, Il molo e Roma da Porta Pinciana. Il dipinto Campagna (Mucrone) fu acquistato dalla Gam di Torino direttamente nell’esposizione  postuma dedicata al maestro del 1909.

Lo stile del dipinto Campagna (Mucrone) di Lorenzo Delleani

Lo stile di Lorenzo Delleani nel costruire i suoi paesaggi ricorda la pittura macchiaiola. In alcuni casi, come in Campagna (Mucrone) ampie pennellate costruiscono campiture omogenee come sul fondo. L’erba in primo piano e la vetta sono invece trattate con pennellate più minute. I colori sono quelli arsi dell’alta montagna e il cielo è solitamente bianco e argentato. In questo caso sono le stesse nubi stratificate che giustificano l’uso del bianco. Il paesaggio è strutturato con tre fasce compositive orizzontali: il prato, il rilievo in salita e la cima del monte. I colori sono infine progressivamente ingrigiti e raffreddati in profondità. Si parte dal verde e bruno del primo piano. Poi il marrone scuro del rilievo, il grigio del monte e il bianco-azzurro del cielo.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Lorenzo Delleani, Campagna (Mucrone), sul sito della Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino.