La Madonna dei crisantemi di Gaetano Previati

La Madonna dei crisantemi è un dipinto di Gaetano Previati realizzato nel periodo in cui l’artista frequentava l’ambiente della scapigliatura milanese.

Gaetano Previati, La Madonna dei crisantemi, 1885, olio su tela, 56.5 x 130 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione

Al centro del dipinto la Madonna è seduta frontalmente e tiene in braccio il Bambino. Gesù è nudo e sembra osservare divertito i crisantemi bianchi che sono sparsi a destra e a sinistra. Inoltre, la Vergine inclina il capo verso il Bambino e lo osserva con tenerezza. A destra, poi, dietro i crisantemi, compare un sepolcro grigio. Infine, il fondo è scuro e non compaiono dettagli.

Interpretazioni e simbologia

I crisantemi sono fiori legati al lutto. Probabilmente tale associazione risale al fatto che fioriscono in concomitanza con le celebrazioni del 2 novembre che in Italia è riservata a tutti i defunti. Inoltre, nella pare destra del dipinto, compare un sarcofago chiuso. Si tratta, quindi, del presagio che rimanda al sacrificio di Cristo sulla Croce.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I Committenti, le collezioni e la storia espositiva

Vittore Grubicy de Dragon, il pittore e gallerista divisionista, donò La Madonna dei crisantemi alla Gam di Milano nel 1920.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto La Madonna dei crisantemi di Gaetano Previati

Gaetano Previati, ferrarese, del 1852, si trasferì a Milano per frequentare i corsi di Bertini all’Accademia di Brera. L’artista si cimentò, così, in questi anni, nella pittura storica. Vinse, infatti, il premio Canonica con il dipinto intitolato Gli ostaggi di Crema del 1879. Attratto dalle voci di protesta nate all’interno della borghesia del nord Italia frequentò, poi, gli ambienti della scapigliatura milanese.

In questi anni dipinse La Madonna dei crisantemi. Nel dipinto è evidente una contaminazione tra sacro e tema sociale. Negli stessi anni la sacralità rivisitata porterà risultati quali il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo e L’angelo della vita di Segantini. Tutti artisti dalla forte connotazione simbolista che saranno riuniti nella prima mostra ufficiale del Divisionismo italiano nel 1891 alla I Triennale di Milano.

La Madonna dei crisantemi è un dipinto dalla cornice rettangolare e dall’orientamento orizzontale. L’inquadratura è molto ampia e ai lati della Vergine è presente una porzione di sfondo scuro che la isola al centro. La sua figura occupa, quindi, la parte centrale e l’intera altezza dell’opera.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Gaetano Previati, La Madonna dei crisantemi, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.