Interno della Pinacoteca di Brera di Angelo Ripamonti

Interno della Pinacoteca di Brera di Angelo Ripamonti rappresenta una testimonianza degli allestimenti Ottocenteschi nelle sale espositive.

Angelo Ripamonti, Interno della Pinacoteca di Brera, 1880-90, olio su tela, 90 x 104 cm. Milano, Pinacoteca di Brera

Indice

Descrizione del dipinto Interno della Pinacoteca di Brera di Angelo Ripamonti

Nel dipinto i grandi ambienti ottocenteschi della Pinacoteca di Brera sono affollati di dipinti. Tre visitatori, poi, percorrono le stanze osservando le opere.

Interpretazioni e simbologia di Interno della Pinacoteca di Brera

La Pinacoteca di Brera divenne una Istituzione autonoma nel 1882 quando venne separata dall’Accademia. Nel dipinto è così rappresentata nel suo aspetto ottocentesco. Infatti le opere sono appese su più livelli e molto ravvicinate. La concezione della fruizione dell’epoca infatti era molto diversa da quella attuale. Inoltre le opere erano destinate ad un pubblico elitario abituato ad osservarle con occhio attento all’aspetto tecnico. Nel dipinto si possono vedere tre saloni napoleonici nel loro aspetto di metà ottocento. Si tratta infatti della sala I con dipinti di scuola lombarda. Seguono la sala II con pale del Quattrocento e della sala III con pale e tele venete del Cinquecento.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’opera di Angelo Ripamonti è esposta presso la Pinacoteca di Brera di Milano.

La storia dell’opera Interno della Pinacoteca di Brera di Angelo Ripamonti

Il dipinto di Ripamonti risale al 1880-1890.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Interno della Pinacoteca di Brera di Angelo Ripamonti

L’opera di Ripamonti è dipinta con pennellate evidenti e non sfumate. Inoltre i dettagli ambientali sono abbozzati come anche i dipinti esposti. Infine le figure umane sedute al centro in basso sono costruite sommariamente con campiture di colore bidimensionale.

La tecnica

Interno della Pinacoteca di Brera è un dipinto ad olio realizzato su una tela di 90 x 104 cm.

Il colore e l’illuminazione

I colori del dipinto sono caldi e tendenti all’ocra-arancio. La parte centrale delle stanze è illuminata direttamente e risulta molto chiara. Gli interni delle stanze invece sono in leggera ombra.

Lo spazio

I vasti ambienti espositivi sono dilatati dal gran numero di dipinti disposti su più livelli e molto vicini tra loro. Inoltre i tre personaggi che percorrono le sale permettono di valutare le dimensioni dello spazio reale grazie al confronto con le dimensioni della figura umana. Infatti, la presenza di questi visitatori umanizza lo spazio che altrimenti parrebbe un asettico contenitore di opere. Le stanze del museo sono costruite con la prospettiva accidentale. La loro rappresentazione è quindi dinamica e articolata. Inoltre le grandi colonne che si alzano al centro contribuiscono a rendere l’ambiente molto ampio e imponente.

La composizione e l’inquadratura

La composizione del dipinto di Ripamonti è sviluppata obliquamente. L’imagine non presenta una centralità rispetto all’inquadratura delle stanze per via dell’angolo di osservazione.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 13 agosto 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Angelo Ripamonti intitolate:

  • Interno della Pinacoteca di Brera

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Angelo Ripamonti, Interno della Pinacoteca di Brera, sul sito della Pinacoteca di Brera di Milano.