Il bagno turco di Jean-Auguste-Dominique Ingres

Il tema che rappresenta nudi di ragazze in interni, come Il bagno turco, è stato una costante dell’opera di Jean-Auguste-Dominique Ingres portato avanti per tutta la sua lunga carriera di quasi 60 anni di pittura.

Jean-Auguste-Dominique Ingres, Il bagno turco, 1862, olio su tela, diametro cm 108. Parigi, Musée du Louvre

Un ambiente esotico e seducente accoglie le giovani al bagno turco

Il bagno turco è considerato il massimo raggiunto dell’opera di Jean-Auguste-Dominique Ingres. Il dipinto appartiene ad un tema molto caro all’artista corrispondente alle figure di odalische e nudi rappresentati in interni. Durante gli anni questi soggetti variarono molto, ma rappresentano la costante di una carriera durata più di sessant’anni. L’artista fu ugualmente famoso per i ritratti realizzati ai nobili suoi contemporanei.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Ne Il bagno turco, Jean Auguste Dominique Ingres per realizzare la posizione e il modellato della schiena della musicista si ispirò a La Baigneuse de Valpinçon del Louvre di Parigi. La giovane ha i capelli avvolti nel panno a strisce colorato. Tra le mani stringe uno strumento a corda con il quale crea l’accompagnamento per la danza. Alla sua destra si trova un gruppo di ragazze che si abbandonano sui cuscini e osservano la danza. Alcune di loro sembrano assorte nei loro pensieri e astratte dalla situazione. La donna, in alto a destra, cura i capelli della ragazza di fronte a lei. Sullo sfondo altre ragazze conversano e partecipano all’evento.

Colore luce e composizione del bagno turco di Ingres

Su tutto il dipinto domina, per quantità, il colore dorato dell’incarnato delle ragazze. Fa da contrasto di chiarezza il colore del muro e del pavimento più grigio ma comunque caldo. Il colore più intenso e saturo che è diffuso e distribuito su quasi tutto il dipinto è il rosso dei tappeti e dei divani.

La composizione de Il bagno turco si adatta in modo perfetto alla forma tonda del dipinto. Alcuni corpi femminili subiscono delle torsioni come la donna a destra che sembra abbandonata in una posa innaturale. Le proporzioni delle figure sembrano forzate e un po’ strane, infatti l’anatomia e i movimenti non sembrano corretti e naturale. Questa innaturalità si deve, però, al tentativo di far aderire i corpi alla composizione circolare della cornice. Non si tratta, quindi, di incapacità dell’artista ma di una licenza compositiva.

L’autore de il bagno turco fu un grande disegnatore dell’800

Jean-Auguste-Dominique Ingres è considerato un grande disegnatore della prima metà dell’Ottocento in Francia. L’artista si specializzò nel disegno osservando i maestri del passato, soprattutto gli italiani. Trasse ispirazione dalle osservazioni dei dipinti italiani e inserì questi insegnamenti nella tradizione accademica francese.

Articolo correlato

Odalisca di Francesco Hayez

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Marco F. Apolloni, Ingres, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 1994; 1998, EAN: 9788809761827

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 26 febbraio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Jean-Auguste-Dominique Ingres intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Jean-Auguste-Dominique Ingres, Il bagno turco, sul sito del Musée du Louvre di Parigi

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera