Il falconiere di Tranquillo Cremona

Il falconiere è un dipinto tardoromantico di Tranquillo Cremona ancora lontano dalle atmosfere della Scapigliatura milanese.

Tranquillo Cremona, Il falconiere, 1863, olio su tela, 90 x 77 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione

Un giovane in abiti medievali tiene con la mano sinistra un falco, appollaiato sulla sua spalla. Il cacciatore è di profilo, rivolto a sinistra e porta a se una giovane donna. La ragazza indossa un abito leggero che le lascia scoperta una spalla. Si stringe verso il giovane e il suo sguardo rivela un’espressione sognante. Al fianco sinistro del falconiere è visibile l’elsa di una spada.

Interpretazioni e simbologia

Il falconiere di Tranquillo Cremona è un dipinto allusivo allo stereotipo del maschio conquistatore. Infatti, il giovane caccia con l’aiuto del falco addestrato che cattura per lui la preda. Nel dipinto, così, è evidente la soddisfazione del ragazzo che stringe tra le braccia la fanciulla. Il falco in atteggiamento aggressivo, appollaiato sulla spalla allude, quindi, alla prestanza sessuale del giovane. Infine, sembra puntare minaccioso la ragazza riconoscendola quale preda. L’opera anticipa le atmosfere erotico-sentimentali del successivo periodo scapigliato.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

I committenti, le collezioni e la storia espositiva

Tranquillo Cremona dipinse Il falconiere su commissione di Giuseppe Purriccelli Guerra nel 1863. L’opera venne poi esposta a Brera in quell’anno insieme a Marco Polo alla corte del Gran Kahn dei Tartari. I due dipinti contribuirono al suo riconoscimento artistico. Cremona si trovava dal 1859 a Milano dove era iscritto presso l’Accademia di Brera e frequentava i corsi di Bertini e Hayez.

La storia dell’opera

Cremona, appena iscritto presso l’Accademia di Brera, nel 1859, espose il dipinto intitolato Un falconiere nel XVI secolo. Tale opera fu poi rielaborata ne Il falconiere del 1863.

Il falconiere (1859) di Tranquillo Cremona
Il falconiere (1859) di Tranquillo Cremona

Tranquillo Cremona, Il falconiere, 1859, olio su tela, 52.2 x 65 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Approfondisci con la pagina dedicata al dipinto di Tranquillo Cremona, Il falconiere, (1859) sul sito dei Beni Culturali della Lombardia.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Stile del dipinto Il falconiere di Tranquillo Cremona

Negli anni in cui dipinse Il falconiere, Tranquillo Cremona era ancora legato alla pittura di tradizione storica e tardoromantica. Dal 1859, i suoi maestri all’Accademia di Brera furono, infatti, Bertini e Hayez. Tranquillo Cremona aderirà alla poetica della Scapigliatura dal 1870.

La tecnica

Il dipinto Il Falconiere fu realizzato con colori ad olio su tela. Il colore risulta sfumato e a tratti, la figura si fonde con l’ambiente.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto di Tranquillo Cremona risente della dominante calda e gialla tipica della pittura di Hayez. Inoltre, Cremona applicò, forse, le sue conoscenze circa il tonalismo veneto. Infatti, l’opera è quasi un dipinto monocromatico nel quale prevalgono i bruni. La luce colpisce i volti dei personaggi e il falco lasciando lo sfondo al buio. L’illuminazione crea, quindi, un’atmosfera intima e sentimentale.

Approfondisci con le altre opere di Tranquillo Cremona intitolate: L’edera, Ritratto di Benedetto Junck.

Lo spazio

I due amanti si stringono nel buio di un ambiente indefinito. Inoltre la scena è molto ravvicinata e la profondità del dipinto è limitata alle figure dei protagonisti.

La composizione e l’inquadratura

Il falconiere è un dipinto di forma rettangolare e sviluppato in verticale. L’inquadratura è molto stretta e il giovane è rappresentato a mezza figura. La struttura compositiva del dipinto è obliqua. Infatti una linea ascendente unisce i volti dei due giovani con l’immagine dal falco in alto a destra.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Tranquillo Cremona, Il falconiere, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano. e sul sito dei Beni Culturali della Lombardia.