Il cavaliere azzurro di Vasilij Kandinskij

Il cavaliere azzurro di Vasilij Kandinskij è un dipinto del maestro dell’astrattismo ancora legato alle sperimentazioni impressioniste.

Vasilij Kandinskij, Il cavaliere azzurro (Der Blaue Reiter), 1903, olio su tela, 55×60 cm. Zurigo, collezione privata

Indice

Descrizione de Il cavaliere azzurro di Vasilij Kandinskij

Un cavaliere avanza al galoppo in primo piano traversando una collina verde. Indossa un mantello di colore blu molto brillante mentre il cavallo ha il manto bianco. Il profilo della collina è alto e definito inoltre da una evidente curva che scende verso destra. Sopra di essa crescono poi alcuni alberi dal fogliame autunnale. Dietro le chiome si nota infine una linea blu di colline e quindi il cielo azzurro attraversato da nuvolette bianche.

Interpretazioni e simbologia de Il cavaliere azzurro di Vasilij Kandinskij

Il soggetto di questo celebre dipinto di Vasilij Kandinskij è tratto dalla tradizione russa e del medioevo tedesco. Infatti in queste culture sopravviveva il mito del cavaliere che combatte il male affrontando prove pericolose. Questa figura eroica rappresentava così il simbolo della lotta fra bene e male. Inoltre il colore blu era considerato da Kandinskij come simbolo della spiritualità.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Der Blaue Reiter di Vasilij Kandinskij è custodito presso una collezione privata di Zurigo.

La storia dell’opera Il cavaliere azzurro di Vasilij Kandinskij

Kansdinskij era talmente legato a tale rappresentazione che usò il titolo del dipinto come nome del gruppo fondato nel 1911 a Monaco di Baviera insieme a Franz Marc. Kandinskij infatti aveva abbandonato la Neue Künstlervereinigung (Nuova Unione degli Artisti) gruppo del quale era stato fondatore e primo presidente. L’artista lasciò il gruppo perchè il collettivo rifiutò di esporre un suo dipinto alla terza mostra del 1911. Infatti gli artisti avevano deciso di sottoporre a giudizio le opere che superavano i quatro metri quadrati come Il giudizio universale di Kandinskij. L’artista chiese di esporlo ugualmente ma non trovò appoggi così nel dicembre del 1911 abbandonò la Neue Künstlervereinigung.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de Il cavaliere azzurro di Vasilij Kandinskij

Testo in preparazione

La tecnica

Testo in preparazione

Il colore e l’illuminazione

Testo in preparazione

Lo spazio

Testo in preparazione

La composizione e l’inquadratura

Testo in preparazione

Articolo correlato

Grandi cavalli azzurri di Franz Marc

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Wolf-Dieter Dube, Espressionismo, Editore: Rusconi, 1990, EAN: 2560019055524
  • Eva Di Stefano, Kandinskij, Giunti Editore Collana: Dossier d’art, 1998; 2008, EAN: 9788809761766
  • Vivian Endicott Barnett, Christian Derouet, Matthias Haltemann, Annegret Hoberg, Gillian McMillan, Kandinsky, 2009, Tracey Bashkoff

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 8 aprile 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Vasilij Kandinskij intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di

Consulta la pagina dedicata alle opere di Vasilij Kandinskij, sul sito del Solomon R. Guggenheim Museum di New York.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera