I cani di Moritz Jung

I cani di Moritz Jung sono immagini litografiche che il giovane grafico della Secessione viennese realizzò intorno al 1912, poco prima della sua morte sul fronte della Prima Guerra Mondiale.

Moritz Jung, Greyhound (Levriero), 1912, litografia, 8.8 x 14 cm. New York, Metropolitan Museum of Art

Indice

Descrizione de I cani di Moritz Jung

Nelle litografie di Moritz Jung sono rappresentate diverse specie di cani. Le immagini inoltre ritraggono in pose molto espressive che sottolineano il carattere dell’animale. Il fondo è assente oppure è rappresentato da un intreccio decorativo e monocromatico di vegetazione.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il Metropolitan Museum of Art di New York (The MET) possiede circa 50 opere di Moritz Jung tra le quali copertine, manifesti, cartoline e la serie dei cani. La Wiener Werkstätte pubblicò al tempo le litografie del giovane Moritz Jung.

L’artista e la società. La storia dell’opera

Moritz Jung nacque a Nikolsburg, oggi Mikulov, nel 1885 nell’Impero Austro-Ungarico, nella Moravia, che oggi si trova in Cecoslovacchia.

L’artista si formò presso la Scuola di Arti applicate di Vienna nel clima della Secessione viennese. I suoi insegnanti furono Carl Otto Czeschka, Bertold Löffler, Felician Myrbach e Alfred Roller. Grazie alle sue qualità di disegnatore e all’interessamento del maestro Alfred Roller, Moritz Jung dal 1903 iniziò a pubblicare le sue illustrazioni su Ver Sacrum, una delle principali riviste d’arte e cultura. Inoltre dal 1907 collaborò con l’associazione viennese di artisti e artigiani Wiener Werkstatte sorta nell’ambito della Secessione viennese.

L’artista austriaco Moritz Jung morì molto giovane, l’11 marzo 1915, durante la Prima Guerra Mondiale. Il giovane grafico perse la vita a circa 30 anni combattendo sul fronte a Höhe Maniloowa presso Lubné, sulle colline ai piedi dei monti Carpazi.

I levrieri di Moritz Jung

Greyhound, o levriero inglese a pelo raso

Greyhound di Moritz Jung
Greyhound di Moritz Jung

Moritz Jung, Greyhound (Levriero), 1912, litografia, 14 x 9 cm. New York, Metropolitan Museum of Art

La figura del Levriero è snella e ritratta frontalmente. Moritz Jung ha saputo cogliere il carattere dell’animale che ha reso con la postura tipica e lo sguardo, timoroso e guardingo. Anche l’inquadratura dell’immagine valorizza l’altezza e la figura slanciata del levriero che risulta osservato dal basso.

Levriero russo o Borzoi

Moritz Jung, Greyhound (Levriero), 1912, litografia, 14 x 9 cm. New York, Metropolitan Museum of Art

Greyhound di Moritz Jung
Greyhound di Moritz Jung

Proprio la prospettiva usata da Moritz Jung determina l’efficacia dell’immagine. Infatti il punto di vista basso, a livello del torace dell’animale favorisce la resa quasi monumentale del Levriero. Infine il modellato ottenuto con il tratteggio litografico sottolinea efficacemente la muscolatura robusta e agile dell’animale.

Il Poodle di Mortiz Jung

Poodle (Barboncino) di Moritz Jung
Poodle (Barboncino) di Moritz Jung

Moritz Jung, Poodle (Barboncino), 1912, litografia, 14 x 9 cm. New York, Metropolitan Museum of Art

Il Poodle diventa una sagoma scura contro il verde chiaro della litografia di Moritz Jung. Solo la linea orizzontale in basso definisce l’ambiente dividendo lo sfondo tra zona verticale e suolo.

Il Bulldog di Moritz Jung

Il Bulldog di Moritz Jung
Il Bulldog di Moritz Jung

Moritz Jung, Bulldog, 1912, litografia, 14 x 9 cm. New York, Metropolitan Museum of Art

La posa assunta dal bulldog disegnato da Moritz Jung rappresenta bene il carattere del cane. La sua figura è tratteggiata con linee modellanti nere molto evidenti contro il fondo bianco del corpo dell’animale. Infine il suolo è efficacemente reso da una griglia prospettica di colore azzurro che assume un gusto decorativo.

Il Pitbull Terrier di Moritz Jung

Il Pitbull Terrier di Moritz Jung
Il Pitbull Terrier di Moritz Jung

Moritz Jung, Pitbull Terrier, 1912, litografia, 14.1 x 8.8 cm. New York, Metropolitan Museum of Art

Il Pitbull è definito nella sua potente muscolatura da un tratteggio curvo le cui linee seguono il volume della muscolatura del cane. L’ambiente invece è definito dalla decorazione in arancione chiaro che suggerisce una parete in pietra.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de I cani di Moritz Jung

I ritratti di cani sono realizzati con colori forti e bidimensionali. Il fondo è generalmente rappresentato da elementi grafici del medesimo colore. Le figure dei cani invece sono ottenute mediante tratteggio di linee nere, curve e parallele, che seguono i volumi dei corpi. La grafica utilizzata si avvicina molto a quella del fumetto contemporaneo o della stencil art.

Le immagini create d Moritz Jung sono stampe calcografiche, in particolari litografie.

Articolo correlato

Dinamismo di un cane al guinzaglio di Giacomo Balla

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Testo in preparazione

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 27 febbraio 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Moritz Jung intitolate:

  • I cani

Leggi La vita e tutte le opere di Moritz Jung

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Moritz Jung, Greyhound (Levriero), sul sito del Metropolitan Museum of Art di New York.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera