Estate (L’amaca) di Felice Carena

Estate di Felice Carena è un’opera che ricorda la pittura di Courbet e che segna il ritorno alla pittura dell’artista dopo un lungo periodo di malattia.

Felice Carena, Estate (L’amaca), 1933, olio su tela, cm 200×156. Torino, Galleria Civica d’Arte Moderna

Descrizione

Una giovane donna dorme tranquilla distesa su un’amaca tesa fra gli alberi di un parco. La ragazza è vestita con un abito leggero e di colore bianco. Il suo capo è poggiato su di un grande cuscino. Un telo decorato protegge il corpo dalla rete dell’amaca. Oltre il gruppo di alberi, tra i quali riposa la ragazza, si sviluppa un paesaggio naturale con un prato curato e alcune betulle.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Analisi sintetica del dipinto Estate (L’amaca) di Felice Carena

Felice Carena tornò a dipingere negli anni Trenta del Novecento in seguito ad una lunga malattia. L’artista divenne insofferente verso il purismo e il ritorno all’ordine che caratterizzò gli anni del regime Fascista in Italia. Inoltre si allontanò dalle sue grandi tele di ispirazione Cinquecentesca.

Estate è un dipinto di Felice Carena ispirato alla pittura di Courbet. Inoltre si colgono accenni di Impressionismo. Carena scelse temi diversi dai precedenti. Si orientò così verso nature morte, ritratti e dipinti religiosi.

La Gam di Torino acquistò il dipinto Estate di Felice Carena in occasione della XIX Esposizione Biennale Internazionale d’Arte di Venezia del 1934.

La ragazza e l’amaca sono realizzate con colori chiari e creano un’ampia zona illuminata nel primo piano. il resto del paesaggio è più scuro e realizzato con toni di verde, marrone e grigio. Tra le fronde, in alto, spicca un debole indaco di cielo. Il prato in primo piano tende all’ocra mentre verso il fondo i colori sono più freddi.

La profondità della scena è costruita mediante la sovrapposizione delle figure e la progressiva diminuzione, in profondità, della loro grandezza. Inoltre l’orizzonte è posto molto in alto, verso il bordo superiore del dipinto.

Il primo piano è totalmente occupato in larghezza dal corpo abbandonato nel sonno della giovane. Il formato orizzontale del dipinto asseconda infatti la rappresentazione del corpo disteso.

Approfondimenti

Consulta le opere presso la Gam di Torino: Ada di Felice Casorati, Donne al Bagno di Antonio Fontanesi, Le Allieve di Lorenzo Delleani, La Pittrice di Lorenzo Delleani.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Felice Carena, Estate (L’amaca), sul sito della Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino.

Una risposta a “Estate (L’amaca) di Felice Carena”

I commenti sono chiusi.