La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme di Emil Nolde

La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme è una interpretazione espressionista e grottesca dipinta da Emil Nolde di un episodio narrato nei Vangeli.

Emil Nolde, La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme, 1915. Seebüll, Fondazione Nolde

Indice

Descrizione de La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme di Emil Nolde

Al centro de La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme di Emil Nolde, coperto da un mantello di colore rosso vivo Cristo è seduto sulla groppa di un asino. Un animale non identificato, forse un piccolo asino, segue in primo piano Cristo che procede verso la città sacra. In secondo piano, allineati e disposti intorno alla figura del Messia vi sono alcuni personaggi. Due alla sua sinistra e altri quattro alla sua destra. I personaggi di sinistra sono dipinti con evidenti labbra rosse e un incarnato bruno.

Uno dei due ha un turbante bianco-azzurro. L’uomo senza turbante indossa una tunica bianca-grigia. I personaggi sulla destra, invece, sono disposti in modo affollato nel piccolo spazio che rimane dietro alla testa dell’asino. Indossano turbanti di vario colore e, come gli altri a sinistra, hanno sguardi stupiti e meravigliati. Lo sfondo è decorato con elementari palme dalle foglie verdi e azzurre. Sulla strada è steso un mantello color porpora, smarrito, sul quale avanza l’asinello con sulla groppa Gesù.

Interpretazioni e significati de La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme di Emil Nolde

Come in molti altri suoi dipinti, Emil Nolde si interessò spesso di soggetti religiosi. La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme raffigura l’episodio narrato nel Vangelo. Come negli altri suoi dipinti il tono dell’immagine è caricaturale e un po’ grottesco. I critici e il pubblico vedendo queste immagini rimasero disorientati. Non era solito, infatti, vedere raffigurato in modo poco serio un argomento religioso. Oltre alla deformazione della figura umana, anche i colori sono stati trattati in modo inusuale. Emil Nolde nato nel 1867 e morto nel 1956 fu un esponente dell’espressionismo tedesco insieme a Ernst Ludwig Kirchner.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Il colore e l’illuminazione

Solo i diversi toni di colore, grossolanamente accostati, permettono di identificare la figura dipinta. Lo spazio è molto ridotto e limitato alla zona che, in profondità, accoglie le figure. È la prospettiva di sovrapposizione che determina i diversi piani. Il piccolo asinello, Gesù, l’asino più grande e dietro di lui i passanti. Il fondo con le palme sembra essere sullo stesso piano delle figure dipinte. Nessun indicatore prospettico geometrico e nessuna prospettiva aerea. Il fondo si integra, quasi sullo stesso piano, con le altre parti del dipinto.

Articolo correlato

Tête de soleil di Karel Appel

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Emil Nolde, La secessione di Berlino, Curatore: S. Mati, Via del Vento, Collana: I quaderni di Via del Vento, 2000; 2002, EAN: 9788887741087

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 14 febbraio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Emil Nolde intitolate:

  • La vita di Cristo: entrata in Gerusalemme

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Emil Nolde, La vita di Cristo entrata in Gerusalemme, sul sito della fondazione Nolde di Seebüll.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.