Il battesimo di Cristo di El greco

Le figure allungate verso l’alto nel Battesimo di Cristo di El Greco sembrano aspirare a raggiungere Dio seduto tra le nuvole. In questo dipinto si coglie chiaramente lo stile inconfondibile di El Greco.

El Greco, Il battesimo di Cristo, 1596 – 1600, olio su tela, cm 350 x 144. Madrid, Museo del Prado

Descrizione

Il Battista, sulla destra, con una conchiglia versa l’acqua del fiume Giordano sul capo di Cristo per il battesimo. Giovanni indossa solamente una pelle di animale intorno ai fianchi. Il suo volto è incorniciato in basso da una folta barba. Gesù è a sinistra e in piedi. La gamba sinistra è piegata e appoggiata con il ginocchio su di una pietra. Il Messia con le mani giunte riceve il battesimo da San Giovanni. Due angeli lo coprono con un telo mentre in alto Dio lo osserva tra schiere di angeli grandi e piccoli. Sopra il capo di Gesù aleggia lo Spirito Santo.

Interpretazioni

La particolare deformazione che El Greco applicò alle sue figure umane è considerata dagli storici dell’arte come simbolo dell’aspirazione verso la spiritualità.

La committenza

Il Battesimo di Cristo fu dipinto da El Greco per decorare l’altare maggiore della Chiesa del Collegio degli Agostiniani di doña Maria de Aragon a Madrid.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de Il battesimo di Cristo di El greco

In questo dipinto di carattere religioso realizzato da El Greco si può osservare il suo stile riconoscibile. Le figure sono molto allungate. I volti e le membra dei personaggi sembrano infatti stirati verso l’alto. L’atmosfera assume una dimensione surreale per via della deformazione e dei colori molto contrastati e stridenti. Grazie all’utilizzo di un particolare contrasto di luminosità i suoi dipinti sono caratterizzati infatti da una illuminazione definita nervosa. I suoi dipinti sono facilmente identificabili da queste caratteristiche presenti anche in Cristo crocifisso con due donatori. Gli storici cominciarono ad apprezzare le opere di El Greco nei primi anni del Novecento. Il suo stile stridente e inquieto fu messo quindi in relazione al maestri del secondo Cinquecento veneto.

Il colore e l’illuminazione

I colori utilizzati da El Greco come in altri dipinti sono molto contrastati. In basso il manto rosso infatti è in forte contrasto di complementarità con i verdi diffusi. Nel Battesimo di Cristo prevalgono i verdi-oliva e i grigi. Gli incarnati sono invece tendenti all’ocra. La tunica dell’angelo di sinistra è blu. Insieme alle altre due, una rossa e una giallo-verde, crea un centro di interesse cromatico di colori primari e saturi.

Lo spazio umano e lo spazio divino

Le figure di Gesù e San Giovanni sono in piedi in primo piano. Dietro di loro si intravede una schiera di angeli. Lo spazio umano è quindi rappresentato solamente dalle figure che si sovrappongono creando una limitata profondità. In alto si apre lo spazio divino. Dio Padre siede tra le nuvole con gli angeli che volano intorno alla sua figura. Alcuni di loro sono più lontani e suggeriscono una maggiore profondità rispetto al terreno.

La Composizione e l’inquadratura

Il Battesimo di Cristo di El Greco si suddivide in due metà orizzontali sovrapposte. In basso si svolge la scena terrena del Battesimo di Cristo. In alto si manifesta la visione di Dio tra gli angeli. La verticale centrale è determinante in alto dove la figura di Dio crea una forte simmetria. Le schiere degli angeli che si dispongono intorno a lui sembrano creare dei cerchi concentrici risucchiati dalla figura divina.

Approfondimenti

El Greco fu considerato un artista stravagante. Filippo II e i membri della sua corte infatti non riuscirono a comprendere la sua poetica. Così l’artista fu dimenticato e riscoperto solo agli inizi del Novecento. Gli storici valutarono così i suoi spostamenti e identificarono le radici del suo stile. Dopo il periodo iniziale di formazione sull’Isola di Creta El Greco si trasferì a Venezia. All’età di 25 anni frequentò la bottega di Tiziano. Fu poi a Roma e quindi nuovamente a Venezia. Dal 1575 – 1576 si stabilì in Spagna.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di El Greco, Il battesimo di Cristo, sul sito del Museo del Prado di Madrid.